martedì, gennaio 25

ODORE DI CHIUSO di Marco Malvaldi


Cristina Aicardi ha detto: Un giallo classico, fatto di osservazioni ed interrogatori, che allo stesso tempo descrive con occhio sagace e salace la società dell'italia dell'800 subito dopo l'Unità......









Titolo Odore di chiuso
Autore Malvaldi Marco
Prezzo di copertina € 13,00
Dati 2011, 198 p., brossura
Editore Sellerio Editore Palermo (collana La memoria)



In un castello della Maremma toscana vicino alla Bolgheri di Giosue Carducci, arriva un venerdì di giugno del 1895 l’ingombrante e baffuto Pellegrino Artusi. Lo precede la fama del suo celebre La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene, il brioso e colto manuale di cucina, primo del genere, con cui ha inventato la tradizione gastronomica italiana. Ma quella di gran cuoco è una notorietà che non gli giova del tutto al castello, dove dimora la famiglia del barone Romualdo Bonaiuti, gruppo tenacemente dedito al nulla. La formano i due figli maschi, Gaddo, dilettante poeta che spera sempre di incontrare Carducci, e Lapo, cacciatore di servette e contadine; la figlia Cecilia, di talento ma piegata a occupazioni donnesche; la vecchia baronessa Speranza che vigila su tutto dalla sua sedia a rotelle; la dama di compagnia che vorrebbe solo essere invisibile, e le due cugine zitelle. In più, la numerosa servitù, su cui spiccano la geniale cuoca, il maggiordomo Teodoro, e l’altera e procace cameriera Agatina. Contemporaneamente al cuoco letterato è giunto al castello il signor Ciceri, un fotografo: cosa sia venuto a fare al castello non è ben chiaro, come in verità anche l’Artusi. In questo umano e un po’ sospetto entourage, piomba gelido il delitto. Teodoro è trovato avvelenato e poco dopo una schioppettata ferisce gravemente il barone Romualdo. I sospetti seguono la strada più semplice, verso la povera Agatina. Sarà Pellegrino Artusi, grazie alla sua saggezza e alle sue originali letture, a dare al delegato di polizia le dritte per ritrovare la pista giusta.


Cristina Aicardi ha detto: Un giallo classico, fatto di osservazioni ed interrogatori, che allo stesso tempo descrive con occhio sagace e salace la società dell'italia dell'800 subito dopo l'Unità.


Libro di rara piacevolezza, caratterizzato da una leggerezza ed ironia di scrittura difficili tra trovare. Si legge in un soffio ed è un dispiacere arrivare alla fine.
Un giallo classico, fatto di osservazioni ed interrogatori, che allo stesso tempo descrive con occhio sagace e salace la società dell'italia dell'800 subito dopo l'Unità.
Spassosi anche gli interventi dell'autore che ogni tanto, abbandonando per qualche riga la narrazione, si inserisce nel racconto per fare ironici parallelismi con la società di oggi.
Malvaldi stesso alla fine sottolinea che nomi e riferimenti (ah Lapo ,Lapo) non sono casuali, ma questo risultava chiaro nella lettura.
Adoro la sua scrittura,così scorrevole e pungente, a volte basta un solo aggettivo messo nel posto giusto per rendere la frase estremamente spassosa.
Sorriderete e riderete molto leggendo questo libro,che sicuramente non fa rimpiangere gli spassosi vecchietti del BarLume.
Altro consiglio: se ne avrete l'occasione ,non perdetevi le presentazioni con l'autore che non solo scrive bene ma è anche estremamente simpatico .


1 Lascia un commento:

Antonia ha detto...

Tutte queste persone che girano nel castello di Roccapendente, per certi versi, arricchiscono il romanzo ma anche la trama narrativa fila discretamente, certo il lettore non ha dei sobbalzi per la genialità di alcuni passaggi ma va bene comunque. Interessante il personaggio di Pellegrino Artusi e la sua fama (anche se non è apprezzato da tutti) di scrittore del libro “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” così come lo sono le sue riflessioni riportate nel diario che per certi versi mescolano sapientemente nozioni culinarie e supposizioni sherlockiane. I riferimenti alla cucina mi sono piaciuti parecchio, perché “spezzano” solo apparentemente la trama ma in realtà si inseriscono molto bene nel contesto letterario. Credo proprio che valga la pena di provare la ricetta del polpettone all’uso zingaro!! Non conoscevo quest’autore ma ho letto che in precedenti romanzi ha creato una squadra investigativa dei vecchietti del BarLuce, la cosa mi incuriosisce e credo che approfondirò la sua conoscenza. Mi sarebbe piaciuto dargli 3 stelle e mezzo, ma non è possibile!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.