venerdì, novembre 25

INTERVISTA a Roberto Costantini

L'autore di TU SEI IL MALE è arrivato anche tra grinfie di Thrillerpage. 
Grazie a Roberto Costantini, che ha concesso questa intervista curata da Massimo Minimo
 per gli amici del blog.
La prima domanda è quasi obbligata: ti aspettavi un tale successo?

Risposta quasi obbligata: no. Risposta vera, tanto ormai ho abbastanza anni per rischiare di passare per immodesto: sì.

Il protagonista del libro, Balistreri, è nato in Libia come te. Oltre a questo, c’è altro di autobiografico nel suo personaggio?

Anche per prudenza ho inserito il fratello Alberto, come me ingegnere, dirigente d’azienda, felicemente sposato con due figli. Per il resto mi appello al quinto emendamento.

Nella prima parte del romanzo il commissario, più che svolgere il suo mestiere, si preoccupa di bere, giocare a carte e divertirsi con le donne (quest’ultima cosa gli riesce benissimo, con mia somma invidia …. ). Non proprio l’esempio del bravo poliziotto, insomma. Ti sei ispirato a qualche modello letterario per creare la sua figura?

All’opposto, non ho trovato nessun investigatore come volevo io. Nel senso che nei noir l’investigatore per il lettore è sempre il Bene ( anche quelli un po’ violenti, stropicciati, malinconici ecc ecc) e il killer è il Male. Ma in TSM , chi è il Bene e chi è il Male?

Uno dei tanti temi affrontati nel romanzo è quello della presenza dei campi rom e della difficile convivenza con buona parte degli Italiani. Quale è la tua idea in proposito?

Che l’unico paese dove l’integrazione multirazziale è perfettamente riuscita, nel senso della reale parità di opportunità , sono gli Stati Uniti, cioè un paese con pochissima storia e poca cultura da difendere. Evidente la cultura ( ciò che so già) e la storia ( ciò che è accaduto) non sono la via migliore per l’integrazione.

Altro argomento è l’ “ingombrante” presenza del Vaticano. Ritieni sia giusto che abbia un tale peso ed una tale influenza nella vita del nostro Paese?

Il Bene che predicava Cristo è per esseri perfetti, così il cristianesimo sarebbe stato cosa di pochi eletti. La Chiesa ha avuto ben presto degli uomini una visione più realistica e li ha legati a sé con i misteri e i miracoli, assolvendoli dalle loro bassezze e promettendo loro la vita eterna in cambio della fede. Come avviene in TSM. Non era questo che voleva Gesù, per Lui la fede nasceva dalla libertà di scelta, non dal baratto. E’ questa mentalità, che in Italia si estende a tutti i settori della società, ad essere ingombrante.

Cosa ti ha spinto ad intraprendere la carriera di scrittore?

Parlare ai miei figli e ai giovani. Mi illudo che , oltre che un bel noir, Tu sei il Male sia quasi un romanzo di formazione. Ma forse mi illudo e basta. Vorrei dir loro che esiste una terza via tra l’assuefazione e l’isolamento, ed è quella che Balistreri intraprende nel finale: avere l’umiltà di combattere col male , in un ring dove scorre anche il proprio sangue ma si è vivi, non morti viventi.

Hai scelto di scrivere una trilogia sul commissario . Pensi sia la “formula” adatta, quella della trilogia, per sviluppare completamente un personaggio?

Non necessariamente, ma lo è nella mia impostazione. Il male è un virus che in piccola parte si annida in tutti noi. Nel 99%dei casi resta sopito e innocuo. Ma per l’1% no, e le condizioni di partenza si formano nell’adolescenza, nei danni veri o presunti subiti durante quell’età. Per questo bisognerà tornare indietro nel tempo, al Michele Balistreri adolescente, quando il danno crea la sua impronta nell’anima.

E’ già prevista una versione cinematografica di “Tu sei il male”. Chi vedresti bene nei panni di Balistreri?

Chiedere al gentil sesso.

Sei finalista al Premio Scerbanenco. Ci racconti i tuoi pensieri e le tue emozioni in proposito?

In sintesi : è un onore essere insieme ad autori ben più conosciuti di me. Ma è un onore ancora maggiore per il nome a cui si ispira il premio. Ho letto Scerbanenco da giovane e ultimamente, mentre scrivevo tu sei il male, ho riletto quello che è forse il suo libro più agghiacciante sul male, I ragazzi del massacro. Sembra scritto oggi.

Ultima domanda, che credo siano in molti a rivolgerti: quanto dovremo attendere per il secondo capitolo delle avventure di Balistreri, che tratterà della sua gioventù in Libia?

Siamo a metà dell’opera, deciderà poi l’editore i giusti tempi. Io sono ancora un apprendista in questo settore.


Intervista a cura di Massimo Minimo
Per la recensione al libro Tu sei il male

Condividi



760x54_promo

0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.