sabato, ottobre 8

Recensione de DOVE TUTTO BRUCIA di Mauro Marcialis

Recensione a cura di Maria Luisa Lamanna:
Dove tutto brucia..........Mauro Marcialis
Grande noir, potente, senza sconti. 2006, l'Italia festeggia la vittoria ai mondiali, Reggio Emilia, la vita di quattro poliziotti entra in un inferno senza ritorno; oltre a loro attori sono: corruzione, droga, omicidio, pedofilia e nemmeno troppo di striscio snuff movies. C'è anche un inquietante io narrante. Globalia, centro commerciale, che custodisce loschi e inconffesabili segreti. Dicevo la corruzione, filo conduttore insieme al ricatto, cemento di una piramide, dove nessuno, nemmeno chi è all'apice, può uscire perchè ricattabile dalle consorterie. Una spirale di violenza crescente coinvolge il lettore in scene raccapriccianti dove si crede di aver raggiunto il limite, ma ogni pagina successiva pretende il primato. Altro argomento, la pedofilia e Marcialis non risparmia le descrizioni di particolari dolorosi, anche per il lettore. La scoperta, la schedatura, l'abominio di tale mercato. Pagine pesanti, tutto senza scampo, se non a tratti; sorprendedoci, esce il lato umano di alcuni poliziotti, persino il desiderio di essere visti e amati. Insomma un noir per palati forti, scrittura potente, ridotta quasi al minimo e forse anche per questo così incisiva. Degno seguito de La strada della violenza.



Voto 4/5

Trama
9 luglio 2006: Shakira ancheggia sulle tribune dello stadio di Berlino prima del fischio d’inizio della finale della Coppa del Mondo. Italia contro Francia: il Belpaese è incollato agli schermi televisivi. Quattro poliziotti di Reggio Emilia agiscono indisturbati: fanno irruzione in una fabbrica di cinesi clandestini per estorcere denaro, e poi s’infilano in un pub per costruirsi un alibi credibile con la complicità del gestore. Ma la notte di quella che, in città, definiscono la “polizia speciale” è appena iniziata. Il maresciallo della Guardia di Finanza Lorenzo Rollei conosce i loro loschi affari e li costringe a irrompere in un casolare, dove alcuni esponenti delle F.A.R.C. colombiane stanno sorvegliando un impressionante carico di cocaina.
È roba che brucia. Giorgio Garlini, il capo della squadra, se ne rende conto col primo colpo di pistola che annuncia la cruenta sparatoria: lui e i suoi ragazzi hanno appena superato il confine della loro etica criminale, uccidendo.
Inizia così, la loro discesa negli inferi. Inizia con l’Italia campione del mondo e i festeggiamenti in tutte le piazze. Inizia con quattro colombiani morti e le informative artefatte per giustificare gli omicidi. Per la squadra, superare quel confine significherà trovarsi coinvolta in un vortice di crimini devastanti, gestiti da una loggia segreta di cui fanno parte uomini delle istituzioni, dell’alta finanza e del crimine organizzato.
E arrivati a questo punto, sarà forse impossibile, per tutti loro, continuare a respirare.


3 Lascia un commento:

Pablito ha detto...

Wooowww... Il libro di Marcialis è un viaggio gratuito verso l'abisso. L'autore si diverte a gettare il lettore nelle sabbie mobili e vederlo affondare. Pedofilia, droga,corruzione, omicidi, massoneria, servizi segreti sono gli argomenti di un libro torbido, violento, affascinante. Complice una scrittura immediata e senza fronzoli il ritmo è incalzante con pochissime pause e difficilmente si riescono a staccare gli occhi dal libro. Una lettura che visto l'argomento bambini-pedofilia non mi sento di consigliare come regalo di Natale per la suocera se non appassionata thrillerista ma una lettura per gli amanti del genere assolutamente da non mancare per un autore che si sta rivelando libro dopo libro una magnifica scoperta!

PENNYWISE ha detto...

La strada della violenza era un pugno nello stomaco, questo libro è un'altra discesa all'inferno che ti mette ko definitivamente.
Quando non vedi l'ora di avere una pausa per riprendere a leggere, quando ti rimangono dentro le parole, quando in fondo in fondo al cuore c'è un pezzetto che fa male, ma male tanto tanto, ecco, vuol dire che il libro che stai leggendo ti lascerà un segno e te lo ricorderai molto a lungo. Marcialis è bravissimo in questo, ti fa accapponare la pelle, ti trascina in un gorgo senza fine, ti sbatte in faccia pezzi di fango insanguinato. Semplicemente splendido.

cerussite ha detto...

romanzo bello. ben scritto. avvincente. tosto, anche troppo.
purtroppo di certe cose non se ne parla abbastanza.
complimenti a Marcialis per aver affrontato il tema della pedofilia senza scendere nella retorica e nella pietà.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.