giovedì, febbraio 24

IL RASOIO DI OCCAM - di Massimo Smith

L'ennesima tragedia metropolitana a Napoli: un bimbo viene travolto e ucciso da un'auto nel traffico dell'ora di punta. Francesca Salvati, giornalista, chiede a Filippo Montella di raggiungerla sul luogo dell'incidente e di denunciare al pubblico l'assuefazione all'orrore e alla sofferenza che ha letto negli sguardi di passanti e automobilisti dinanzi a quel corpicino martoriato......






Titolo Il rasoio di Occam
Autore Smith Massimo
Prezzo di copertina € 18,00 Risparmio
Dati 2009, 320 p., brossura
Editore Fanucci (collana Collezione vintage)

L'ennesima tragedia metropolitana a Napoli: un bimbo viene travolto e ucciso da un'auto nel traffico dell'ora di punta. Francesca Salvati, giornalista, chiede a Filippo Montella di raggiungerla sul luogo dell'incidente e di denunciare al pubblico l'assuefazione all'orrore e alla sofferenza che ha letto negli sguardi di passanti e automobilisti dinanzi a quel corpicino martoriato. Lui scrive, denuncia e fa di più: propone l'articolo sul blog di Napolistrada. Fioccano centinaia di commenti dalla rete, tra cui quello di un webnauta che si firma col nickname Folletto 666: "...quelli come quei due della macchina dovrebbero ammazzarli nel peggiore dei modi". Francesca coglie l'occasione per sfogare tutta la rabbia che le cova dentro scrivendo quella che si rivelerà una vera e propria premonizione: l'augurio feroce, ai due passeggeri dell'auto, di finire trucidati in un garage, con gli occhi dallo sguardo insensibile strappati e i corpi distesi accanto alla loro costosa, inutile auto. Due giorni dopo, proprio in un garage di un grattacielo, viene ritrovato il cadavere di una giovane donna uccisa secondo un rituale terrificante, e le modalità del brutale omicidio ricalcano quasi alla lettera le parole di Francesca. Una coincidenza?




Marta Zelioli ha detto: Il rasoio di Occam ti spinge a pensare "oltre", ti dice che, la superficie è lì per essere scalfita e approfondita, e lasciarsi andare alla facilità di un giudizio è il modo migliore per sbagliare. 

Il rasoio di Occam è un miscuglio di sensazioni, mille mani che ti tirano, ognuna cerca di attirare la tua attenzione; da un lato Napoli e le sue strade, le sue vite, i suoi ritmi, il traffico, la malavita, la semplicità di un caffè e la bellezza del mare. Queste cose fanno da sfondo alle vite di Francesca e Luca, che piombano in un baratro di follia e orrore.
"Da quel momento, il mondo che s'era ricostruito a morsi e unghiate aveva preso a disfarsi, mentre l'oscurità ingoiava lui e tutti coloro che non avrebbero potuto salvarsi dal peggior incubo che nessuno sarebbe mai riuscito ad immaginare". - pag. 16
Francesca è una giornalista, una donna appassionata, desiderosa di vivere, di fare, di amare. Una Donna con la "d" maiuscola: esplosiva. Ha un carattere determinato, è la tipica persona che "non te le manda a dire", e più di una volta manifesta il suo punto di vista in modo particolarmente scoppiettante. Non è una creatura facile da abbattere, ma le crolla addosso tutta la sua esistenza, e non è un peso che può essere sostenuto con disinvoltura.
Me la sono immaginata - anche se nel libro non viene descritta propriamente in questo senso - come una persona che non è solita chiedere aiuto, come una in grado di gestire le situazioni: un giocoliere con mille birilli tra le mani.
Succede che, le sue storie di morte si fanno profezia, ciò che scrive diviene una realtà lugubre e sporca di sangue.
Quello che le accade, le cambia la realtà quotidiana sotto gli occhi. E' terrorizzata, diviene un'appestata per la società, perché l'essere umano è sempre pronto a giudicare a puntare il dito. Mentre il matrimonio sembra scivolarle via, mentre tutta la vita sembra sgretolarsi tra le sue mani, in soccorso arrivano due presenze un po' bizzarre: un ex avvocato, che si è macchiato di qualche reato, e un immigrato giordano che si arrangia tra un lavoretto e l'altro, un uomo ai margini della società, già bello che etichettato, ma che si rivela prezioso e dalla mente particolarmente elevata. Sua è la spiegazione sul principio de "Il rasoio di Occam":

Evito di supporre, capitano: guardo i fatti. Il frate Guglielmo di Occam espresse nel Trecento un principio chiamato 'il rasoio di Occam'. Glielo riassumo: non c'è alcun motivo per complicare quello che è semplice. In altre parole, tra le tante spiegazioni possibili di un evento, quella più semplice ha la maggiore probabilità di essere vera. - pag. 254
Questo libro parla di amore e di morte, dell'infanzia violata, del rimorso, della pazzia, dei rapporti umani e delle loro dinamiche. Lo fa con delicatezza, la "penna" di Massimo Smith si muove in modo magistrale da un orrore all'altro e ti aiuta a "digerire" la brutalità con la sua poesia.
Il rasoio di Occam ti spinge a pensare "oltre", ti dice che, la superficie è lì per essere scalfita e approfondita, e lasciarsi andare alla facilità di un giudizio è il modo migliore per sbagliare.
Ha un finale riflessivo e commovente, girare l'ultima pagina di questo romanzo ti lascia addosso quella strana malinconia che pochi libri sono in grado di darti.


Massimo Smith su facebook

Massimo Smith - intervista RAI radio uno del 2 giugno 2009 per il romanzo "Il rasoio di Occam"

0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.