lunedì, dicembre 8

Recensione - “Kautokeino, un coltello insanguinato” di Lars Petersson

Recensione a cura di Alessandra Sorvillo

“Kautokeino, un coltello insanguinato” di Lars Petersson è il thriller nordico recensito oggi da ThrillerPages. Clicca qui e acquista il libro Clicca qui e acquista il libro in ebook
Dopo l'interessante thriller psicologico La porta scura di Lars Maehle, la casa editrice Atmosphere ci regala un nuovo giallo ad ambientazione scandinava: il romanzo Kautokeino, un coltello insanguinato del regista e produttore Lars Petersson. Dopo una banale denuncia per violenza sessuale ai danni di una giovane norvegese, il procuratore Anna Magnusson viene strappata al suo ufficio di Stoccolma per correre in aiuto dell'accusato, suo cugino Nils Mattis, dietro le richieste insistenti del resto della famiglia. 
L'arrivo a Kautokeino, paese d'origine della madre e luogo di residenza di buona parte della famiglia, coincide per Anna con il riavvicinamento non solo a zie, nonni e cugini persi di vista da tempo, ma anche alla cultura sami a cui tutti loro appartengono: il villaggio montano di Kautokeino, disperso tra le nevi persistenti delle montagne norvegesi, è difatti il centro abitato che maggiormente vede presenti i membri di questa comunità antichissima, spesso erroneamente assimilata a quella lappone.

Per questo motivo, il ruolo di Anna nella cittadina è complicato da un lato dal desiderio di ottenere giustizia per la vittima della violenza sessuale, dall'altro dal tentativo di colmare con il proprio impegno il vuoto lasciato nel nucleo familiare dalla madre, che anni prima aveva abbandonato Kautokeino e tutta la  tradizione sami pe r spostarsi in Svezia. Quello contro cui dovrà scontrarsi la combattiva protagonista è un coacervo di silenzi, dinieghi ed omertà sempre crescenti: il rifiuto iniziale della vittima di proseguire con la denuncia, la mancata assunzione di responsabilità da parte dell'accusato, le verità celate e riemerse troppo tardi, sino alla scoperta definitiva di un mondo parallelo e chiuso in sé stesso. Con un acume non dissimile da quello di un antropologo che esamini i meccanismi di coesione di un gruppo sociale, l'autore mette in luce il divario esistente tra la legge ufficiale, proveniente dagli organi governativi norvegesi, e il senso di giustizia diffuso tra i sami, sempre pronti a far prevalere il secondo sul primo.
Il lettore entra così in contatto con una cultura sconosciuta e contraddittoria, nella quale la sopravvivenza delle tradizioni è tutto, dove l'allevamento e il commercio delle renne è sia la principale  - se non unica - fonte di guadagno che il simbolo identificativo più concreto della comunità; infine, una cultura nella quale, pur essendo diffuso una sorta di matriarcato generalizzato, dunque un sistema in cui le donne hanno un potere decisionale non indifferente, l'integrità fisica e morale di una ragazza può essere barattata in cambio di denaro,  e una violenza inammissibile come quella sessuale messa a tacere senza troppi sforzi.
Il parallelo con l'omertà vigente nei clan camorristici e mafiosi purtroppo diffusi nella realtà sociale italiana non sfugge neanche all'autore, che ripropone il parallelo proprio là dove Anna viene a conoscenza dell'abitudine delle matriarche sami di riparare col denaro agli errori commessi da figli, nipoti e parenti vari, tutto pur di garantire sicurezza economica e rispettabilità alla famiglia intera. In quest'opera senz'altro curiosa, tuttavia, pregi e difetti confluiscono verso lo stesso motivo portante: sebbene l'accurata indagine sulla cultura sami si riveli illuminante ed esaustiva come poche, riuscendo ad illustrare le complessità di un mondo ormai dimenticato, i toni saggistici della narrazione non finiscono per rallentare gli eventi e distrarre il lettore dalla trama investigativa, che di fatto diventa solo  un dettaglio di sfondo; i personaggi, gli eventi, gli ambienti, sono tutti osservati e descritti con un distacco che si riverbera sul lettore sebbene non disattende il brivido e la curiosità promessi dal titolo.

1 Lascia un commento:

Pebble ha detto...

Solo per dirti che i Sami SONO i Lapponi. Solo che il loro nome e' Sami, Lappone a loro non piace.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.