venerdì, luglio 4

Recensione - “L'uomo dei temporali” di Angelo Marenzana

Recensione a cura di Andre Schiavone

“L'uomo dei temporali” di Angelo Marenzana (Rizzoli Editore) è il thriller recensito oggi da ThrillerPages. Clicca qui e leggi trama e note sull'autore
Dal coacervo di quella letteratura di genere che è il giallo, oggi fin troppo abusata, la voce di Angelo Marenzana emerge prepotente. Una voce che si distingue per la sua capacità evocativa, che attraverso una narrazione poetica, mista ad un sapiente ricorso ai crudi codici del genere noir, arriva a dar vita ad un’opera annoverabile tra i grandi nomi della letteratura.
L’uomo dei temporali è infatti un romanzo che si muove tra Quel pasticciaccio brutto de via Merulana di Gadda e il noir di Giorgio Scerbanenco; il commissario Augusto Bendicò l’erede dell’arguto Ingravallo e del disincantato Duca Lamberti.
Ma il personaggio di Marenzana si muove in quel contesto rievocato dei primi anni della seconda guerra mondiale con la stessa flemma e apparente distacco dell’Ingravallo cinematografico di Pietro Germi. Un’insofferenza che nasconde però un’inquietudine di fondo, dal sapore quasi esistenziale. È il riflesso di quel malessere generato dal minaccioso incombere del conflitto bellico, dal pericolo e dalla tacita percezione collettiva della caducità della vita, in una società in cui il ruolo dell’uomo sembra ridotto a semplice pedina nelle mani di un potere oppressivo quanto incomprensibile.
Lo svelamento dell’indagine si condisce della stessa concezione gaddiana di una realtà tanto illogica e complessa da non poter giungere ad un reale appagamento. In una società che commette e tollera i più atroci crimini alla luce del sole, dietro le corrotte fila di una politica votata al male, il processo di indagine sembra più il vacuo ed illuso trascinarsi in un sistema ipocrita e insondabile.  
Ma questo splendido romanzo si avvalora ulteriormente per la complessa e minuziosa ricerca che l’autore compie. Un’impeccabile resa delle atmosfere, una perfetta ricostruzione storica: dal Cinzano alle sigarette Macedonia Oro, dai documentari dell’istituto Luce ai giornali di propaganda fascista, dalle commedie dei “telefoni bianchi” alla musica di Rabagliati alla radio, dalle case di tolleranza all’eccellente descrizione della moda del tempo, fino a quella viva e pulsante dei profumi del primo mattino e gli elegiaci indugi sui panorami campestri di un’Alessandria che sempre più sembra destinata agli inevitabili stravolgimenti di una guerra imminente.
Non sono semplici elucubrazioni nostalgiche, ma vere e proprie componenti del racconto dal potere evocativo.
Ma in questo tragico contesto, la speranza e la sensibile visione di Bendicò prendono forma in una credenza folkloristica, incarnate in quell’Uomo dei Temporali: «per un istante, in cuor suo, desiderò di vedere comparire il profilo annebbiato dell’uomo dei temporali. Voleva un acquazzone, tanto violento da lavare i ricordi della guerra e le coscienze di chi ci aveva creduto». Una forza misteriosa in cui credere, in un ritorno a quelle innocenti credenze popolari in cui trovare rifugio. Un regresso contro un progresso sempre più degenere.
Il temporale tanto invocato si configura quindi come una forza capace di dissipare quella minacciosa e incombente nebbia che, come nella surreale e poetica iconografia felliniana (Amarcord), assume un valore metaforico. È la forza oscurantista, lo speculare simbolo dell’asfissiante fascismo.
L’indagine del commissario Bendicò, la cui curiosità e onestà intellettuale stonano con il corrotto contesto, porterà così fatalmente ad «un colpevole dichiarato, e tanti altri ancora senza nome che si nascondevano dietro una presunta rispettabilità, nel lato oscuro di una città che non sapeva fare i conti con la propria coscienza. Dietro un morto ammazzato era emerso un mondo pericoloso e tormentato. Come il futuro degli italiani […] tutti rannicchiati tra le pieghe della paura». 
Un romanzo superbamente scritto, di quelli che non terminano con l’ultima pagina, ma che si impiantano con forza nei pensieri e nei ricordi, che intrattengono e fanno riflettere. Da leggere!

0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.