domenica, marzo 17

STRATEGIA DI UNA RAPINA a cura di Stefano di Marino

È il vento, così insistentemente enfatizzato sin dal principio del film, a spingere i protagonisti verso il loro destino. Odds against Tomorrow  del 1959 esprime nell’originale il senso di condanna al fallimento che pervade una storia che Robert Wise diresse da un romanzo di William McGivern (autore anche di parte  della sceneggiatura). Strategia di una rapina parla sempre di un ‘hold –up’ in cui la destrezza dovrebbe superare la violenza. Il condizionale è d’obbligo perché, malgrado gli sforzi profusi, caso e manchevolezze personali degli esecutori porteranno fuoco e fiamme. Dave, anziano poliziotto scacciato dal corpo per indegnità, vive in un albergo di New York con il suo cane, sogna il colpo di una vita e avrebbe messo anche a punto un piano perfetto, almeno nelle sue intenzioni. L’obiettivo è una banca di Melton, tra NY e Albany, un posto  tranquillo che, dopo le sei di sera, si richiude in se stesso. Gli impiegati terminano i conti, una sola guardia -con l’artrite e sulla soglia della pensione - un garzone nero che porta i caffè, immancabile alla stessa ora. Per mettere le mani su un  bottino di 50.000 dollari Dave (Ed Bagley) ha pensato di far ricorso non a dei professionisti ma a due disgraziati che, sulle prime, proprio non ne vorrebbero sapere.
Eppure, per diversi motivi sono (o sembrano) perfetti per i loro ruoli. Earle è un reduce di guerra sufficientemente violento e duro da venir buono nel momento in cui bisognerà mettere in atto il colpo. Peccato che sia un perdigiorno, un mantenuto, roso nell’orgoglio di dover vivere alle spalle della fidanzata Shelly Winters che farebbe di tutto per lui ed è sin troppo mamma. Lui si sente umiliato da quei soldi prestati come un’elemosina, provoca risse nei bar e consuma il tradimento con una vicina in cerca di emozioni forti proprio sotto il tetto di Shelly. Alla fine vuol tornare in Oklahoma da dove è fuggito. Johnny è un nero dai modi eleganti e la voce potente di Harry Belafonte. Divorziato, convive con una cantante ma vorrebbe riconquistare la moglie e riavere sua figlia.  Peccato che sia schiavo del vizio del gioco e sommerso dai debiti. Alla fine Earle e John si vedono costretti ad accettare la parte che Dave ha scritto per loro. Problema principale. Earle  è un razzista che proprio non sa tenere la bocca chiusa ed John ha il sangue che ribolle nelle vene. Difficoltà non da poco se si considera che il piano richiede freddezza, precisione e perfetto accordo  nell’esecuzione. Decisamente è l’ultima parte del film a essere la migliore. Ormai conosciamo le caratteristiche psicologiche dei tre rapinatori che oscillano sempre tra bene e male. Non sono personaggi particolarmente accattivanti ma, nella loro ambiguità morale, sono  verosimili. Quasi speriamo che possano farcela a cominciare una nuova vita. Ma è ovvio sin dalla lunga inquadrature di John che fissa uno stagno di una discarica prima del colpo che i loro sogni sono destinati a trasformarsi in fumo. L’immagine della bambola rotta che emerge tra i rifiuti è già un brutto presagio. I momenti più interessanti sono proprio quelli che precedono il colpo. ‘È l’attesa che mi uccide’ confessa il nervosissimo Earle (cui un magnifico Robert Ryan conferisce il giusto grado di frustrazione e rabbia). Piccoli particolari minano il meccanismo. La vecchia auto con il motore truccato viene notata da un giovane benzinaio, John viene fermato nel paesino come testimone di un incidente e ben inquadrato dagli occhi sospettosi  di uno sbirro. Le ore prima del colpo trascorrono in solitudine con i tre protagonisti perseguitati da pensieri negativi e tic. Poi calano le ombre e l’azione comincia. Sfiducia e ostilità portano i tre a battibeccarsi  sui ruoli da sostenere, sul possesso delle chiavi per la fuga ma il piano procede. Piano, in effetti, non a prova di bomba perché uno sbirro nota un movimento sospetto. Da lì in avanti accade l’imprevedibile. Si sparano i primi colpi e Dave cade ucciso a colpi di pistola alla schiena. Purtroppo non solo ha con sé la refurtiva ma anche le chiavi della macchina. John ed Earle rispondono al fuoco ma, ormai sconvolti dal peso del fallimento, rivolgono contro loro stessi la rabbia. Finiscono ad affrontarsi  proprio come in un western in un duello in cima a un silo di gas. Basta una scintilla e le loro aspirazioni terminano in una letale esplosione. Come dice il poliziotto nel finale ‘bianco o nero, che importanza ha?’ il guaio è fatto e ancora una volta l’America degli anni 50 si configura in un ritratto in bianco e nero, fatto disperanze e disillusioni. Tra i notevoli spunti descrittivi ambientali merita di certo menzione il locale jazz dove Belafonte si esibisce  in un paio di numeri musicali chenon stonano, anzi conferiscono emozione alla vicenda.

Articolo a cura di Stefano Di Marino/Stephen Gunn


0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.