lunedì, febbraio 20

Recensione del film E ORA PARLIAMO DI KEVIN a cura di Irene Petrella




Torna lo spazio Bullet-Time
E ORA PARLIAMO DI KEVIN (We need to talk about Kevin), diretto da Lynne Ramsay con Tilda Swinton, John C. Reilly, Ezra Miller, Siobhan Fallon. UK, USA 2011.




Non è facile descrivere un lavoro come quello della Ramsay. Il caotico, visionario tormento si manifesta da subito, con immagini dense, immortalate nella memoria in frantumi di Eva (una straordinaria Tilda Swinton). L'impotenza al cospetto del male e la consapevolezza di averlo generato ricordano a tratti il capolavoro di Polanski “Rosemary's baby”. Qui però non esistono sfumature legate all'universo soprannaturale, come non esistono sette che in qualche modo possono ricondursi ad esso. Tutto è descritto nel modo più lucido e concreto possibile, non si concede spazio all'immaginazione e non esistono culle nere. Si impone lo slancio della rabbia, racchiusa nelle frecce di un arco. Si evidenzia l'avversione nei confronti di certi stili di vita, privi di gloria o importanza (“...vi svegliate e guardate la tv, prendete l'auto e ascoltate la radio, andate al vostro insignificante lavoro o alla vostra ridicola scuola ma non ne sentirete parlare nel notiziario delle 6 perchè non fate notizia...”). Si sfoggia il disgusto per la gioia altrui. Si compie l'inevitabile.

Dal romanzo di Lionel Shriver emerge una storia d'amore e odio, un rapporto ambiguo tra madre e figlio, le due facce di un'unica medaglia. Kevin (Ezra Miller) sembra possedere tutte le peculiarità genetiche materne, drasticamente amplificate. Architetta dispetti macabri. Gode nel provocare strazio a colei che gli ha donato una vita indesiderata, sin dai primi giorni. Premedita la strage.
Anche se in un paio di frangenti il girato sembra rallentare, la tensione si mantiene elevata grazie ad un eccellente montaggio. La colonna sonora può forse stonare in qualche caso; eppure, riconsiderando il tutto, è da ritenersi perfetta.
Nell'originare la sofferenza, Eva ha superato se stessa.

Miglior film al London Film Festival.
Miglior regia (e sei candidature) ai British Independent Film Awards.
Tre nomination ai BAFTA.
Tilda Swinton, miglior attrice agli European Film Awards, ai National Board of Review Awards e ai San Francisco Film Critics Awards. Senza elencare il resto.

Articolo di Irene Petrella




Se ti piace l'articolo Condividi



760x54_promo

0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.