sabato, gennaio 7

RICHARD MATHESON: “Il maestro di Stephen King”

“Lo scrittore che mi ha influenzato più di ogni altro” (Stephen King)
“Per le legioni di lettori delle sue storie Richard Matheson, come Robert Neville, è già leggenda" (Valerio Evangelisti)
“Richard Matheson merita il nostro tempo, la nostra attenzione, e un grande affetto”
(Ray Bradbury)


L'esordio letterario risale al 1950 quando la rivista The Magazine of Fantasy and Science Fiction pubblica uno dei suoi racconti più belli e angoscianti “Nato d’uomo e di donna” (“Born of man and woman”). L’anno successivo si trasferisce in California dove incontra la donna che diverrà sua moglie e suggerirà l’idea per un nuovo racconto “Fiamma frigida” che, in seguito, verrà ampliato e sviluppato dando vita al romanzo “Cieco come la morte” (“Someone Is Bleeding”). Sempre negli anni del suo soggiorno californiano frequenta il gruppo dei “Fictioneers”, animato da scrittori accomunati dalla passione per il genere poliziesco, e si cimenta egli stesso nella stesura di alcune crime novel (“Fury on Sunday” e “Ride the Nightmare”).
E’ del 1954 il suo romanzo più famoso “Io sono leggenda”, mentre due anni dopo viene pubblicato “Tre millimetri al giorno” (“The Shrinking Man”) il cui successo di pubblico e critica attira l’attenzione della Universal che si affretta ad acquisirne i diritti per la trasposizione cinematografica (”Radiazioni BX distruzione uomo”).
La produzione di Matheson non si ferma a racconti e romanzi, ma comprende frequenti incursioni (con risultati decisamente ottimi) nel cinema e nella televisione. Sono sue, infatti, le sceneggiature di alcuni fra i migliori episodi della serie televisiva “The Twilight Zone” (“Ai confini della realtà”) e di “Star Trek”. Da ricordare anche la sceneggiatura per il primo grande successo di Stephen Spielberg “Duel” (tratto da un racconto dello stesso Matheson).
Nel corso della sua lunga carriera (numerosissimi i premi che gli sono stati riconosciuti, ed è sufficiente citare l’Edgar Allan Poe e il Bram Stoker alla carriera) è stato anche sul punto di collaborare con Alfred Hitchcock per il film “Gli uccelli”, ma il progetto si concluse con un nulla di fatto perché il regista non era d’accordo con l’idea di Matheson di non mostrare mai gli uccelli per l’intera durata del film.
Quando si cimenta con il genere horror, Matheson prende drasticamente le distanze dagli stereotipi del genere. La tensione, l’angoscia e l’orrore scaturiscono non da situazioni straordinarie, ma dalla vita di tutti i giorni. Il terrore inizia all’interno di una apparentemente tranquilla situazione familiare, arriva dalla televisione o da avvenimenti a prima vista banali. Ed è proprio questa sua caratteristica che, oltre ad affascinare milioni di lettori, ha influenzato uno scrittore del calibro di Stephen King. La capacità di raccontare storie terribili e angoscianti non più focalizzando l’attenzioni su mostri o personaggi irreali, ma sull’uomo.
Come già anticipato, il romanzo più famoso di Matheson è senza dubbio “Io sono leggenda” che, nonostante siano passati oramai cinquanta anni dalla prima edizione, continua a essere ristampato e che sorprende per modernità e l’originalità della storia.
Una storia di vampiri decisamente fuori dagli schemi, atipica, dove la condizione delle creature della notte è sfruttata dall’autore per scrivere una intelligente riflessione sulle cause e conseguenze del razzismo nella società moderna. Protagonista è Robert Neville, l'ultimo uomo sulla Terra. L'unico essere umano a non essere stato colpito da una sconosciuta epidemia che ha trasformato il resto dell’umanità in vampiri assetati di sangue. In questa situazione, paradossalmente si invertono i ruoli ed è l’uomo a trasformarsi in mostro e non viceversa. (“…l'idea di partenza si basava sulla considerazione che se un vampiro fa così paura, cosa accadrebbe se tutta l'umanità fosse composta da vampiri, a eccezione di un uomo?”). Si tratta di una prospettiva diversa da quella usuale, anomala e proprio per questo ancor più affascinante. Un’intuizione che ha permesso a Matheson di condividere, anche se in modo differente, la sorte di Neville. Entrambi destinati a diventare leggenda.


“Nei giorni di cielo coperto Robert Neville non era mai sicuro del tramonto del sole e capitava che loro uscissero in strada prima del suo rientro. Se fosse stato più analitico, avrebbe saputo prevedere il loro arrivo con una certa approssimazione; ma si ostinava a mantenere l’abitudine di tutta una vita di calcolare il calar delle tenebre guardando il cielo, un metodo che nelle giornate nuvolose non funzionava. Ecco perché in quelle occasioni non si allontanava mai troppo.”

(“I Am Legend – Io sono leggenda, 1954)


Articolo di Ferdinando Pastori

Condividi



760x54_promo

0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.