martedì, ottobre 4

Recensione de IL GIORNO DEI MORTI di Maurizio De Giovanni

Il commissario Ricciardi è protagonista indiscusso della scena criminale della Napoli degli anni Trenta, capace di risolvere ogni caso con tali abilità e precisione da sconcertare colleghi e istituzioni. Ma questa sua capacità si dice sia innaturale, dettata addirittura dal demonio. E piace a pochi. Perché Ricciardi vede i morti e ne coglie l'ultimo pensiero, interrotto a metà da una morte violenta. Un'abilità divinatoria, quasi magica. Eppure a volte neanche questi mezzi sembrano bastare di fronte al mistero di certi crimini. È iniziato un autunno piovoso, Napoli è sotto una coltre di nuvole e nebbia. Nella settimana dei Morti viene trovato il cadavere di un bambino. Si chiama Matteo, Tettè per tutti. Uno dei tanti scugnizzi che vivono di espedienti nei vicoli della città. A prima vista, sembra morto di stenti, ma presto si scoprirà che forse la morte è stata causata da altro. Ricciardi indaga, ma le condizioni non sono facili. Le autorità fermano ogni tipo di inchiesta perché sta per arrivare in città Benito Mussolini. Al commissario toccherà indagare in modo clandestino, e soprattutto senza poter contare su alcuno dei suoi indizi perché sul luogo del delitto stavolta non vede né sente niente. A questo punto un interrogativo: ha esaurito il suo dono, la sua condanna, oppure il bambino non è stato ucciso lì?

Recensione a cura di Cristina Aicardi:
Tutti mi hanno rimproverato di avere iniziato a leggere i libri di Degiovanni partendo dall'ultimo, ma io ero curiosa di leggere questo che ha vinto praticamente tutti i concorsi ai quali ha partecipato. Era da molto tempo che mi suggerivano di leggerli, il motivo che mi fermava era che molti fans parlavano, con apprezzamento, certo, della " tristezza " di questi libri e anche il fatto che Ricciardi sentisse l'ultimo pensiero dei morti mi rendeva un po' riluttante, non è un genere che amo molto. Mi devo ricredere però. Ho trovato il libro decisamente piacevole, il "Fatto",cioè il sovrannatuale, non è l'elemento preponderante della narrazione e la tristezza, seppur presente, e che mi ha provocato una qualche lacrimuccia, non è il sentimento principale del romanzo;forse la rabbia e l'indignazione per l’indifferenza dilagante ,ieri come oggi , sono quelli che ho sentito di più. Io amo Napoli, anche se la conosco poco e la descrizione della città è veramente bella, si sente che è fatta col cuore. Poi ho adorato l'ironia con la quale sono descritti i preparativi , le ansie e i timori per l'arrivo del duce. Mi è piaciuto, anche se continua a non essere il tipo di romanzo che sceglierei per primo in un elenco, devo essere sincera, ma una cosa è sicura : rimedierò al mio errore leggendo gli altri che mi mancano in ordine cronologico.


Voto: 4/5

Titolo Il giorno dei morti. L'autunno del commissario Ricciardi
Autore De Giovanni Maurizio
Prezzo di copertina € 15,00
Dati 2010, 396 p., brossura
Editore Fandango Libri

1 Lascia un commento:

Antonia ha detto...

Questo libro è stato un bell’inizio (anche se è il penultimo) per conoscere quest’autore!!
Il commissario Ricciardi, è un personaggio che piace alle donne perché è bello ma sicuramente anche per quel suo carattere un po’ ombroso e timido. Il fatto che sia super accudito dalla sua tata mi lascia un po’ perplessa, ma fa parte della vita di quest’uomo che nonostante sia ricco, affettivamente ha avuto solo la fidata Rosa. In questo romanzo sono presenti delle figure femminili che nella narrazione hanno un ruolo molto importante, e sono tutte diverse.
La trama scorre bene e gli ingredienti per un buon giallo ci sono tutti, si ha voglia di leggerlo tutto d’un fiato proprio perché il ritmo di scrittura invoglia a continuare e arrivare fino in fondo. Bellissima la figura del bambino, l’autore non è stato avaro di particolari nel descrivere la sua tragica vita e in alcuni punti è stato abbastanza crudo, tanto che sembra di vivere questa situazione. Quando si arriva alla lettura di ¾ del romanzo sembrerebbe che non ci dovranno essere altri colpi di scena e che la conclusione sarà scontata, ogni tassello è tornato al suo posto!! Invece no, il finale è inaspettato, le parole che hanno costruito la storia non farebbero mai pensare a un finale di questo tipo. Credo che Maurizio di Giovanni sia una bella “scoperta” per la letteratura italiana di genere.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.