domenica, marzo 3

GIUNGLA D’ASFALTO a cura di Stefano Di Marino

Quando uscì, nel 1950, il film diretto da John Huston tratto dal romanzo di W.R. Burnett fu considerato dalla critica un film di serie B. Riprova che chi non sa fare giudica… Giungla d’asfalto è un grande noir e al tempo stesso uno dei film più significativi del filone caper. C’è, nell’intera vicenda, tutto l’animo oscuro dell’America degli anni 50, persino nel paterozzo finale che il capo della polizia impartisce ai cronisti che gli rimproverano la corruzione dello sbirro Dietrich. In effetti che nella polizia ci siano anche degli onesti sembra un concetto imposto in una storia dove il confine tra moralità e indegnità etica è spostato nel più ambiguo territorio che divide chi i soldi ce li ha e chi invece vorrebbe averli. Nel romanzo la divisione tra l’avvocato faccendiere Emmerich e la banda di rapinatori ‘proletari’ è ancora più marcato. Huston racconta freddamente la sua storia, con un succedersi di scene secche che solo occasionalmente indugiano sulle sfumature umane. La fine dei principali artefici del colpo, il vecchio pianificatore Riedenschenider e l’energumeno Dix, sono esemplari. Ultimi rimasti della banda, finiscono tragicamente a un passo dalla salvezza.
L’anziano gangster potrebbe anche farcela a sgusciare tra le maglie della polizia se non indulgesse nel puro piacere di vedere una giovinetta ballare, in un diner in cui la polizia lo identifica. Dix, ferito mortalmente, pur accudito da Olga che vorrebbe solo stargli a fianco, muore correndo verso quella fattoria della sua infanzia che ha cercato di ritrovare per tutto il film. Gli altri cadono per sfortuna o tradimento. Emmerich, il basista che trama di fregare i complici perché, in realtà, è un imbroglione e non ha un soldo per pagare la refurtiva, le prova tutte per rimettere a posto le cose. È la natura dei ricchi, pensare che tutto si può acquistare o aggiustare con i soldi. Ma anche a lui va male, pur essendo riuscito a rivendere i gioielli rubati alle assicurazioni, viene segnalato da meno abili complici, coinvolto nell’occultamento del cadavere del detective ucciso da Dix nel momento del raggiro ma, alla fine, inchiodato proprio dalla ninfetta che lo chiama ‘zietto’. Marilyn Monroe (qui all’esordio) è perfetta incarnazione di avidità, cinismo e candore quando, finalmente convinta a confessare, si chiede se il suo viaggio a Cuba è ormai sfumato. Per l’avido avvocato non resta che il suicidio. Soluzione da vigliacchi, come è sottinteso se non detto dalla sceneggiatura. Film notturno, quasi privo di scene di violenza ad eccezione di una sparatoria così rapida che si fatica a comprenderne la dinamica, quasi come nella realtà. Giungla d’asfalto è un film di rapina. Un colpo perfetto pianificato da un anziano ex galeotto che raduna intorno a sé una banda di eterogenei complici trai quali un immancabile gobbo, uno scassinatore papà, un biscazziere e il basista, appunto. È lo specchio dell’umanità disperata degli anni 50. Gente che si muove in quartieri brutti, pericolosi, senza il minimo d’attrattiva. Non ci sono le luci dei locali notturni a rischiarare la vita dei malavitosi. L’unico nominato lo hanno appena chiudo. Da lì viene Olga, ballerina dal cuore d’oro, che prima cerca aiuto da Dix poi finisce per ritrarsi, quasi timorosa sfruttare quell’omaccione rude che ha scoperto di amare. Il contrasto tra lei e Angela (Marilyn) è stridente come il lusso degli appartamenti di Emmerich e lo squallore del locale gestito da Giulio il Gobbo, o gli interni della sala giochi clandestina e persino la camera di Dix. La realizzazione del colpo prevede nitroglicerina, abilità di scasso, un segnale d’allarme da bloccare e persino un ‘occhio segreto’ come viene chiamato. Nulla di particolarmente difficile, un colpo studiato da Riedenschneider prima di finire in galera l’ultima volta che necessità solo di qualche ritocco. Eppure tutto va storto perché i partecipanti al colpo dal primo all’ultimo sono dei perdenti. Sognano una vita migliore, lontana dalla città oscura, fatta di ombre e insegne notturne. Quel paesaggio solare e arioso che a Dix è dato di intravedere ormai in punto di morte solo nell’ultima scena. La giungla d’asfalto, malgrado i trionfalistici proclami del capo della polizia, ha vinto un’altra volta. Le bestie che l’abitano si sono divorate a vicenda e il destino non guarda in faccia a nessuno.



0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.