martedì, dicembre 13

Recensione de PENSA A UN NUMERO di Anders Bodelsen


Recensione a cura di Diego Thriller:


Non sono amante dei gialli, soprattutto quelli in stile "Il colpevole è il maggiordomo" e questo infatti mi è piaciuto. Nessun colpevole da cercare, infatti, sin dall'inizio, si sa chi sono i rapitori della banca. Nessun omicidio, ops, sì l'omicidio c'è, ma passa molto in secondo piano. Nessun investigatore con l'assistente. Direte voi: che cavolo di giallo è?
E' la storia di un rapinatore travestito da Babbo Natale che viene fregato dallo stesso cassiere della banca che rapina, il suo nome è Bork. Ma lo stesso Bork non avrà vita facile a riuscire a custodire e spendere il denaro rubato...
Una storia scritta negli anni '60, personaggi splendidi e realistici come del resto la stessa trama. Una storia con un ottimo ritmo anche se non succedono cose eclatanti, che ti spinge a voltare pagina per vedere come va a finire. Una lettura non impegnativa ma ben intricata e con una trama finemente congegnata. Un' ottima lettura. 
Un appunto: la copertina è fantastica!

Voto 4/5


Il tentativo di fuga dalla mediocrità fa precipitare un (anti)eroe piccolo borghese in un tortuoso cul-de-sac. Azione e humour in un giallo a orologeria che ha i solidi ingranaggi del poliziesco anni Sessanta e tra i protagonisti un indimenticabile rapinatore di banche travestito da Babbo Natale.

TRAMA: Piccolo-borghesi si nasce. Criminali si diventa. Una fredda sera di dicembre, nei sobborghi di Copenaghen, Flemming Borck, prima di lasciare lo sportello della banca dove lavora da lunghi, monotoni anni e tornare alla sua grigia vita da scapolo senza speranze, scopre in maniera del tutto casuale il piano di un rapinatore che da giorni fa la posta al suo sportello travestito da Babbo Natale. E se fosse l’occasione della sua vita? Quando arriva il fatidico momento, il cassiere non si fa trovare impreparato e grazie a un geniale stratagemma s’intasca il grosso del bottino. Né la banca, né la polizia, né i colleghi sospettano di essere stati raggirati dall’inedito malvivente, ma purtroppo Sorgenfrey, lo squilibrato rapinatore, sì. Scatta così una serrata caccia ai ladri tra doppi giochi e tripli inseguimenti, in cui Flemming, pericolosamente affiancato dall’interessata femme fatale Alice, scopre di aver superato un rischioso confine, e di non poter più tornare indietro. Azione e humour in un giallo psicologico di atmosfere retrò che ha i solidi ingranaggi dei grandi classici del genere.

L’autore - Anders Bodelsen, prolifico autore danese classe 1937, è uno dei maggiori rappresentanti della corrente neorealista degli anni Sessanta. I suoi gialli esplorano le ripercussioni sociali del materialismo, le contraddizioni della classe media, e spesso colgono persone comuni spinte a varcare i confini della moralità. Pensa un numero, uscito nel 1968, è il suo romanzo più famoso, cui è stato tratto un film e poi il remake L’amico sconosciuto (1978). Già uscito in Italia nella collana dei Gialli Mondadori con il titolo Buon appetito Borck, è ora riproposto in Italia in una nuova traduzione e un’edizione aggiornata. Dello stesso autore nel 2012 Iperborea pubblicherà La borsa e la vita.

“Questo poliziesco danese è una vera scoperta, piena di inventiva, stimolante e psicologicamente complesso. È veramente un ottimo giallo” – publishers’ weekly

Titolo Pensa a un numero
Autore  Anders Bodelsen
Traduzione dal danese di Maria Luisa Bocchino
Dati pag.192  Anno 2011 Prezzo € 15,00
Casa Editrice Iperborea

2 Lascia un commento:

Enrico Pandiani ha detto...

Ho finito di leggere Pensa un numero, di Anders Bodelsen (Iperborea 2011), piccolo delizioso noir del 1968, con una piacevole atmosfera anni '60, che ha impiegato solo quarantatré anni a giungere fino a noi. Un nordico come ce ne sono pochi, ricco di humour e ironia, una storia di perdenti congegnata con grande mestiere. Come tenere il lettore sulle spine senza far succedere assolutamente nulla.

massimo ha detto...

"L'occasione fa il cassiere ladro" potrebbe essere un buon sottotitolo per questo romanzo. E' ciò che capita al protagonista, Borck, quando un uomo vestito da Babbo Natale decide di rapinare la banca in cui lui lavora. Non tutto, però, va liscio, anzi le cose si complicano maledettamente per il cassiere, costretto a trasformarsi in un vero e proprio criminale.
Il romanzo si snoda nell'arco di circa tre anni, passando dalle gelide atmosfere danesi all'opprimente caldo tunisino. Mescolando azione ed humour, l'autore costruisce un "prodotto" godibile, anche se la trama gialla non mi è parsa il punto forte del libro.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.