lunedì, febbraio 18

Recensione TRE CAMERE A MANHATTAN di George Simenon

Questo è il mio terzo Simenon; ho letto 'I due complici', 'Lettera al mio giudice' e in ultimo 'Tre camere a Manhattan'.
Simenon è intenso, sanguigno, passionale. E' feroce, aggressivo e brutale. Lo è stato in tutti e tre i libri che ho letto e inevitabilmente non ho potuto non collegare 'Lettera al mio giudice' con le prime 50 pagine di 'Tre camere a Manhattan'.
Un uomo solo, un uomo depresso, annoiato, con un passato che lo tormenta. Una vita che non lo soddisfa, che lo rende inquieto tanto da farlo vagabondare incontro a questa donna. Lui è Combe lei è Kay, si incrociano in una nottata Newyorkese e, semplicemente, passeggiano entrando e uscendo dai locali, con l'inquietudine, l'ansia, l'emozione, il dubbio di chi si è appena conosciuto; uniti però alla complicità di due anime affini.

Combe, come Alavoine di 'Lettera al mio giudice' oscilla tra l'odio e l'amore verso questa donna. La trova eccessiva, i suoi comportamenti a tratti lo nauseano e lo fanno ribollire di rabbia. La gelosia è un tema che Simenon affronta con una ferocia pazzesca, la fa sfociare sempre in atti aberranti, violenti, estremi. Qualsiasi gesto della donna gli fa sorgere anche il più banale dei dubbi, se propone di andare a passeggiare a Central Park, lui pensa:"Chissà con chi è già stata..." se accenna al passato, lui teme che parli di un uomo.
“Alla fine le si piantò davanti, fissandola con volto imperturbabile. Poi, a fior di labbra, mormorò: “Tu...”. E ripeté, alzando via via il tono della voce fino a urlare disperatamente: “Tu!...Tu!...Tu!...”. Era rimasto con il pugno sospeso a mezz’aria, e per un attimo sembrò che riuscisse ancora a padroneggiarsi. “Tu!...”. Ma la voce gli era diventata rauca, e il suo pugno si abbatté, colpendo con forza il volto della donna, una, due, tre volte...”.

(pag. 95)
Lei è attratta dalla solitudine di lui, è intenerita dalla condizione dell'uomo, da come si è trovato a vivere. Inizia a scoprire parti del suo passato e si fa sempre più vicina, più 'familiare', e i dubbi, le incertezze, i momenti d'ira iniziano a dissiparsi mano a mano che Combe si trova a conoscere nel dettaglio ciò che realmente ha fatto parte della vita di Kay. Quando i suoi precedenti diventano banali, quando alcune presenze da lei menzionate si fanno grottesche, allora lui inizia ad ammorbidirsi, il passato prende forma e viene spazzato via con una scrollata di spalle.
"Lui la guardò. Era ancora senza trucco, senza alcun segno di civetteria, indifferente a quella vestaglia da uomo che la infagottava tutta, a quelle pantofole che doveva riacchiappare continuamente con la punta del piede. E fu proprio lì, sul pianerottolo, davanti a quelle porte anonime, in quella specie di no man's land, che si diedero il bacio della giornata, forse il loro primo vero bacio d'amore; e, consapevoli entrambi delle tante cose che esso doveva racchiudere, lo fecero durare a lungo, dolcemente, teneramente, come se non dovesse finire mai, e ci volle lo sbattere di una porta per separare le loro labbra. Allora, lei disse semplicemente: "Va'". E lui scese, con la sensazione di essere un altro uomo.

(pag. 77)
Ed è a questo punto che uno potrebbe dire: Quando tutto sembra andare per il verso giusto... in effetti, dopo giorni convulsi di rabbia, dubbio, passione, succede qualcosa che può consacrare la loro felicità o distruggerli senza nemmeno averli visti nascere.

‘Tre camere a Manhattan’ è molto delicato nella sua collera. E’ un romanzo elegante ma arrabbiato, lo leggi con il dubbio - almeno per quanto mi riguarda - che lui perda del tutto il lume della ragione e passi dalla rabbia alla furia omicida. Vivi passo passo ogni istante di Combe, è al suo fianco, non accanto a Kay, che ho letto queste 181 pagine in cui è racchiusa una storia che non sai, se vorresti rivivere sulla tua pelle o meno. 

O forse tutto sommato sì... vorresti.


Curioso il fatto che questo romanzo sia fortemente ispirato al primi incontri clandestini avuti da Simenon con la sua amante.
Nel 1945, Simenon, la moglie e il figlio arrivarono a New York per aver come meta finale il Canada. Assunse come segretaria Denyse Ouimet che divenne poi appunto la sua amante, quindi la moglie, quindi ex moglie.

Dal romanzo è stato tratto anche un film, del 1965, diretto da Marcel Carné. Il film segna l'esordio di Robert De Niro, seppur come semplice comparsa.


Recensione a cura di Marta Zelioli

Titolo Tre camere a Manhattan
Autore Simenon Georges
Prezzo di copertina € 16,00
Dati 1998, 181 p., 16 ed.
Traduttore Frausin Guarino L.
Editore Adelphi  (collana Biblioteca Adelphi)


0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.