lunedì, luglio 23

Recensione L'ESATTORE di Petros Markaris

Voto 
Finalmente ci troviamo di nuovo di fronte a , come dice il sottotitolo, alla nuova “ avventura del commissario Charitos “. Ormai sta divenendo quasi un luogo comune : definire il noir come uno strumento utile a descrivere la realtà esistente. Quanto sta avvenendo in Grecia, riguardo alla crisi economica ed ai suoi effetti collaterali, diviene elemento d'indagine attraverso la vita quotidiana, non solo del commissario Charitos, il protagonista principale dei romanzi di Markaris, ma principalmente attraverso il “ pessottimismo “ del popolo greco. Per certi versi, se vogliamo esagerare, il commissario Charitos, e la sua inchiesta, diviene, questa un effetto collaterale di quanto avviene nel paese ellenico.  
Dicevamo del cosiddetto “ pessottimismo “ …. infatti, leggendo le pagine de “ L ' esattore “ emerge in modo chiaro e netto lo stile quasi disincantato del popolo greco di fronte all' ineluttabilità del proprio destino segnato in modo indelebile dai colpi della crisi economica. “ Bisogna essere ottimisti, potrebbe sempre peggiorare “ questa , credo che sia, attraverso la lettura de “ l'esattore “, la filosofia di fondo che contraddistingue la quotidianità greca, tra manifestazioni, scontri con le forze dell' ordine, ristrettezze economiche nella vita dei greci che portano ad eleggere e delegare, nella popolarità diffusa, il giustiziere di turno ( l'esattore ) a riferimento ed esempio rispetto ad ' incapacità  voluta o meno, delle  istituzioni preposte al compito di affrontare le conseguenze sociali della crisi, potremmo essere di fronte di fronte alla cosiddetta
 “ antipolitica “ … così non credo che sia, leggere per credere, si potrebbe dire, cosa più normale non può esistere che di fronte all'accentuarsi di una crisi che, all'orizzonte non prospetta sbocchi positivi, sia normale affidarsi al Robin Hood di turno. Anche la toponomastica di Atene, non si sottrae a questa situazione : percorsi, riferimenti di strade, piazze ecc.. tutta la viabilità della capitale ellenica è affidata all' emergenza dettata dalla crisi economica. Come è possibile attraversare piazza  Sintagma senza non domandarsi del perchè dell' ennesimo imbottigliamento automobilistico ? La risposta si lega a quanto sta indagando il commissario Charitos : manifestazione a sostegno del fantomatico, ma allo stesso tempo popolare, esattore. L' ultimo noir con protagonista il comm. Charitos può essere considerato come la seconda puntata di inchiesta socio / finanziaria di Markaris. Un filo, nero, ci ha accompagnato dalle pagine del precedente, “ Presti scaduti “, alle ultime de
 “ L' esattore “. Se il noir è la descrizione della realtà sociale, non credo che ci vorrà molto perchè anche autori spagnoli, portoghesi, irlandesi e perchè no, italiani, come del resto è successo per autori latino / americani, si cimentino nel raccontare l'esistenza quotidiana sempre più difficoltosa che attraversa i popoli dell' Europa.

Recensione di Edoardo Todaro
precpa@interfree.it


TRAMA: Il commissario Charitos è di nuovo alle prese con le conseguenze della grande crisi economica. Nell'ombra agisce un "Esattore", un vendicatore che invia a noti evasori fiscali una lettera in cui li invita a saldare quanto devono al fisco; ma se non ottiene quanto chiede, l'Esattore uccide i malcapitati con una iniezione di cicuta. Kostas Charitos si immerge nel nuovo caso con un senso di smarrimento: gli omicidi si susseguono in un clima di tensione sociale estrema, in cui vittime e colpevoli si scambiano continuamente di ruolo. Anche Caterina, sua figlia, è sul punto di andarsene, accettando un posto offertole dall'Alto Commissariato dell'ONU per i rifugiati. Intanto, l'Esattore riesce a far restituire alle casse dell'erario quasi otto milioni di euro in soli dieci giorni, e il popolo scende in piazza per inneggiare all'eroe, al santo, che è riuscito là dove il potere costituito ha colpevolmente fallito. Nel mezzo di questo dilemma etico si trova il commissario Charitos: smascherare il colpevole e consegnarlo alla giustizia oppure stare dalla parte della gente dimenticata da quella stessa giustizia?

Titolo L' esattore
Autore Markaris Petros
Prezzo di copertina € 18,50
Dati 2012, 341 p., brossura
Traduttore Di Gregorio A.
Editore Bompiani (collana Narratori stranieri Bompiani)
Disponibile anche in ebook a € 11,99

Condividi su Facebook
Fonte: Thrillerpages.blogspot.com

0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.