martedì, luglio 12

IL NOIR di Philippe Djian

Philippe Djian è Nato a Parigi nel 1949. Suo padre era un algerino di origine ebraica, che a sedici anni, al momento dello scoppio della guerra d’Algeria, si era arruolato, sua madre era una cattolica conservatrice. Philippe è il maggiore di tre fratelli e negli anni della scuola legge molto, pratica molti sport, ascolta Leo Ferre che canta Baudelaire, Verlaine o Rimbaud. Conosce Jerome Equer che diventerà suo inseparabile amico. Più avanti un professore gli trasmetterà l’amore per la musica e la letteratura e scoprirà Celine, Faulkner. A sedici anni inizia insieme a Equer l’apprendistato al sesso, all’alcol e alle notti bianche passate con le ragazze e nel 1967 vanno 4 mesi in America. Inizia a fare piccoli lavori e non cede alle sirene politiche sessantottine, che sembrano non interessarlo. S’iscrive a una scuola di giornalismo senza mai frequentarla. Fa il magazziniere per la casa editrice Gallimard e viene introdotto alla lettura di nuovi scrittori. Alterna i lavori ai viaggi e insieme a Equer realizza dei reportage sulla Colombia che tenta di vendere ai giornali. Non riescono nell’impresa, ma Djian inizierà a pubblicare racconti per “Detective” sotto pseudonimo. Viene riformato per sordità all’orecchio destro e incontra a 25 anni la pittrice Année e la sposa. A 26 diventa padre di Loic. In molti non credono all’inizio nel suo talento, solo Christiane Barroche non ha mai dubbi. Le prime opere pubblicate all’inizio degli anni 80 non ottengono un buon successo commerciale. Il successo arriva con l’adattamento cinematografico di 37°2 le matin, che realizza il regista Beineix. Il successo del romanzo, subito tradotto in venti lingue è assoluto. Si trasferisce con la famiglia (ora ha anche una figlia) prima a Biarritz poi in America nel 1989. Scrive molto. Una piccola isola a largo di Boston è la nuova residenza. Nel 1991 è in Italia, a Firenze, dove scrive Sotos. Rientra in Francia e si rifiuta di passare dalla casa editrice di Barrault a Flammarion come vorrebbero obbligarlo, firma con Gallimard nonostante le grandi promesse di denaro. Nel 1994 torna in Francia e si stabilisce a Bordeaux. Dopo altri libri tra cui una trilogia Assassins, Criminels e Sainte Bob, si sposta prima a Losanna e poi di nuovo in Francia. Djian sfugge la monotonia traslocando continuamente – da Boston a Firenze, da Biarritz a Parigi. Oggi Djian è considerato l’erede francese della beat generation; ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali tra cui recentemente il premio Jean Freustiè 2009. Dalla fine del 2009 Voland ha iniziato la pubblicazione dei suoi romanzi. Il primo è stato Imperdonabili; poi 37,2 le matin (giugno 2010), Incidenze (gennaio 2011), Vendette (edizione originale Gallimard giugno 2011, edizione italiana Voland settembre 2011) e poi la trilogia Sainte-Bob, Assassins e Criminels.. 

Djian afferma che la vita di una scrittore non è interessante, lo è il corpo a corpo con la scrittura. “il manifesto”

Djian esprime la vibrazione del mondo in cui viviamo.“L’espresso”

La scrittura di Philippe Djian è nostalgica, la sua grammatica echeggia di libri, di musica, di cinema e di sé, appassiona, coinvolge e pur con un ritmo denso, stordisce in una commedia degli equivoci affettivi e di scommesse sentimentali, che fa eco. Profondissima eco. “L’Unità”

Il ritmo dei romanzi dei Djian è un prestissimo. “La Repubblica”

I nostri noiristi farebbero bene a leggere Djian  “Internazionale”

Fino a dove si può arrivare per poter vivere con gli altri? “Alias”


Imperdonabili (ottobre 2009) Francis, un uomo di 60 anni, è uno scrittore che non scrive più da quando, dodici anni prima, sono morte in un tragico incidente la moglie e la figlia maggiore, Olga. La figlia sopravvissuta, Alice, nota attrice, scompare all’improvviso lasciando il marito e le due figlie. Francis, che non si fida della polizia e il cui senso di abbandono cresce insieme al sospetto che la nuova moglie lo tradisca, assume la sua vecchia amica e primo amore, A.M., per cercare Alice. Inizia così una particolare amicizia con il figlio delinquente di A.M., che lui paga per pedinare sua moglie. Chiuso in sé stesso per non crollare, scoprirà un mondo dove ogni perdono è ormai impossibile. Il regista francese André Téchiné ha realizzato un adattamento cinematografico di questo romanzo che parteciperà alla Quinzaine des Realisateurs di Cannes.
Recensione: http://thrillerpages.blogspot.com/2011/08/recensione-de-imperdonabili-di-philippe.html

37,2 al mattino (giugno 2010) Lui, trentacinquenne con ambizioni letterarie, è tuttofare in un complesso di appartamenti in mezzo al nulla. Lei, Betty, bella e imprevedibile, è entrata nella sua vita una mattina, valigia in mano. I due si immergono in una storia d’amore che rifiuta qualsiasi mediocrità. Per Betty, lui è il più grande scrittore della sua generazione ed è determinata a trovargli un editore, ma i numerosi rifiuti la fanno sprofondare in una forte inquietudine. Tra sesso, alcol e altri eccessi, la vita si trasforma in un percorso a ostacoli… Un noir sensuale e inconsueto, una scrittura che non lascia respiro.



Incidenze (gennaio 2011) Una Fiat 500. Al volante Marc, scrittore fallito e professore universitario. Accanto a lui, la sua studentessa più bella. È notte, e si affrettano a tornare a casa per concludere in bellezza la serata. Al mattino la ragazza non si risveglia. Superato lo shock iniziale, Marc si sbarazza del corpo...
Attorno a una morte anomala Djian costruisce un romanzo cinico e seducente.






E in uscita a Settembre:

Vendette (settembre 2011) Marc, quarantacinquenne scultore di successo un po’ troppo dedito ad alcol e droghe, vede la propria vita affondare quando il figlio diciottenne si fa saltare la testa durante una festa. Nel tentativo di capire dove ha sbagliato, raccoglie e ospita l’ex fidanzata del figlio, anche lei con problemi di alcolismo ma fredda e determinata nel suo odio contro di lui. Marc non immagina quanto della propria vita possa ancora volare in pezzi. Una tragedia dell’incomunicabilità al centro del mondo della comunicazione. Un Philippe Djian lucido e mortale come la lama di un rasoio.








760x54_promo

Le recensioni sono personali, e noi non siamo dei critici ma dei semplici lettori. Aggiungendo commenti a questo post e facendo nuove recensioni aiuterete questo blog a bilanciare i giudizi. Grazie.

0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.