lunedì, giugno 20

Recensione de FUEGO di Marilù Oliva


DAL 6 LUGLIO


Titolo Fuego
Prezzo di copertina €16,00
Dati 2011,  p.253
Editore Elliot

TRAMA: Dopo il fortunato Tú la pagarás una nuova indagine per la Guerrera e l’ispettore Basilica.
Una torrida estate bolognese e il fuoco che brucia impietoso. La Guerrera, al secolo Elisa Guerra, giornalista precaria e appassionata di salsa e balli latinoamericani, ci si tuffa dentro nel suo modo incosciente, senza riserve, così come balla, come beve rum e come indaga sulla morte di una ballerina cubana trovata carbonizzata. Un omicidio punitivo a prima vista e, dietro, un losco giro di prostituzione che nasconde altri affari criminosi e sordidi interessi. Come nel fortunato ¡Tú la pagarás!, primo capitolo delle avventure della Guerrera, Elisa Guerra accoglie ancora qui al suo fianco il capace ma timido ispettore Basilica per mostrargli i controsensi delle notti di salsa e dei pittoreschi personaggi che le animano, i segreti di un mondo intriso di fascino e riti misteriosi. E come nella precedente indagine della Guerrera, anche in Fuego questa lottatrice di capoeira, che conosce segreti e perversioni di ballerini e insegnanti di danza, affronterà pericoli e sfide mortali insieme alla fidata amica Catalina, con la sua dolcezza azzurra, i tarocchi e gli studi da alchimista. E così, man mano che la storia si dipana verso l’inaspettata verità, Catalina aiuterà la Guerra nell’interpretazione esoterica del fuoco, mentre Dante le coprirà alle spalle con la saggezza senza tempo dei suoi versi immortali.

Recensione di Thrillerpage:
Avevo letto ed apprezzato "Tu la pagaras", ed invece ora mi trovo a dire che "Fuego " mi ha deluso. Tanto avevo trovato originale il primo romanzo, tanto qui mi è sembrato che molte parti ,fossero una ripetizione del libro precedente.
La trama è deboluccia e molto frammentata per lunghe e dettagliate descrizioni dei vari personaggi che popolano le notti salsere di Bologna e nessuno di loro colpisce o coinvolge in modo particolare.
E’ curioso l’inserimento nella narrazione della capoeira, interessante disciplina, così come le citazioni di brani delle varie culture come incipit di alcuni capitoli e questo potrebbe essere degno di nota, ma poi la narrazione va per altre vie.
Lo stile ruvido e ciò dovrebbe essere maggiormente congeniale a questo genere, ma per quanto ci riguarda il risultato finale non è da vero noir. L’autrice esprime dei pensieri noir, ma non rendono, perché li inframmezza in altri discorsi che non danno assolutamente quella sensazione di tensione che in questo genere letterario dovrebbe esserci e che qui invece latita.
A nostro avviso, un piccolo passo indietro per una scrittrice che potrebbe dare di più, come ha già fatto.

Voto 2/5

MARILÙ OLIVA
Vive a Bologna, dov’è nata. Scrive per riviste letterarie e web-magazine, tra cui «Thriller Magazine» e «Carmilla». Per Perdisa Pop è uscito nel 2009 il suo romanzo d’esordio, Repetita. Nel 2010 Elliot ha pubblicato ¡Tú la pagarás!, finalista al Premio Scerbanenco.








Hanno scritto di ¡Tú la pagarás!:

«Una storia movimentata da azione, ironia, indagini e parentesi rosa mai sentimentali, attorno al mistero di un paio di assassinii, tra allegria disperata e peccati segreti» 
MAURIZIO BONO, LA REPUBBLICA

«Un noir coinvolgente dove la danza, la passione e il delitto si amalgamano senza sbavature… Un romanzo dalle atmosfere magiche, dai toni sacri e profani dove Cuba e le sue sfrenate danze palpitano al ritmo di suspense»
ISABELLA SPAGNOLI, LA GAZZETTA DI PARMA

«Un giallo incredibilmente ipnotico, vorticoso come una rumba che ti impedisce di fermarti, di rallentare, fino alla fine»
DANIELA CONTINI, CORPIFREDDI




760x54_promo

Le recensioni sono personali, e noi non siamo dei critici ma dei semplici lettori. Aggiungendo commenti a questo post e facendo nuove recensioni aiuterete questo blog a bilanciare i giudizi. Grazie.

2 Lascia un commento:

GIanni Di Ciaccio ha detto...

Mi è capitato in mano per caso e ...mi ha scottato. Ho cominciato a leggere FUEGO incuriosito da alcuni giudizi positivi che ho letto su Marilù Oliva e sui suoi precedenti romanzi, in un locale in mezzo alla confusione totale...nel posto meno adatto per leggere in pace un libro: un parrucchiere! Donne che urlano per sovrastare il rumore degli asciugacapelli, bambini che giocano in attesa delle loro mamme, rumori del traffico per la porta di entrata aperta e chiusa decine di volte. Eppure...sono rimasto affascinato dalla scrittura e dal ritmo dell'autrice e pur non amando particolrmente la salsa, i balli latini, le discoteche e la fauna che le abita mi sono ritrovato a penare per la "Guerrera". La "Guerrera" è l'autentico fulcro del mondo creato da Marilù Oliva...una protagonista sensuale, fragile e combattiva una vera e propria guerriera che combatte contro il suo mondo interiore. Bellissimo il trip nella parte finale e brava l'autrice a districare nell'ultima parte la matassa come nella migliore tradizione gialla. Il finale poi è davvero uno dei migliori che ho letto quest'anno. Consigliatissimo

Michele Fiano ha detto...

Quando scrissi di ¡Tú la pagarás! mi augurai che Marilù Oliva facesse proseguire gli studi di criminologia alla sua protagonista, perché le rocambolesche avventure della Guerrera mi avevano sollazzato non poco. Be', non solo sono stato accontentato ma mi sono divertito ancora di più. Per sbarcare il lunario la laureanda criminologa e aspirante giornalista Elisa Guerra, detta appunto la Guerrera, questa volta consegna pizze a domicilio, scorrazzando per i vicoli della sua Bologna con un mezzo precario almeno quanto la sua posizione lavorativa. Di notte il suo motto è “salsa, rum e niente divieti” e in effetti in questa seconda storia, la Guerrera, tra una vuelta e una caricia corroborate da ottimi rum stravecchi, sembra non fermarsi davanti a niente, figuriamoci le proibizioni. Le sue doti di capoerista si sono ulteriormente affinate, l’inseparabile amica e coinquilina Catalina continua a farle i tarocchi e Elisa continua a non crederle, seguitando a propendere per gli “aiuti” di Dante Alighieri, la cui Commedia conosce a menadito. È sempre incline a distinguersi dal carrozzone circense in cui si ritrova nelle vesti di salsera, non a caso afferma: «Se vanifico per un istante la mia passione per la salsa, quello che rimane è la sensazione di un'immensa carnevalità». Carnevalità costituita perlopiù da buona parte degli attori del primo romanzo, che qui funzionano ancora meglio: le tare, le invidie e le mire dei frequentatori della folta comunità latino-americana emergono con rinnovata prepotenza. Numerose le scene esilaranti — vale la pena ricordare almeno quella del chihuahua fatto di coca — e le pagine intrise di una sensualità ancora più marcata: la Guerrera si avvicina sempre più al non indifferente ispettore Basilica, ma anche questa volta non combineranno niente di concreto.Ciò può indurre a credere che Fuego sia solo la risultante di una serie di reprise di ¡Tú la pagarás!, è invece evidente quanto gli elementi che avevano funzionato in quest'ultimo siano stati sviluppati con una modulazione narrativa ancora più efficace, regolata sempre da capitoli alternati in prima e terza persona. Un lavoro di sicuro non ascrivibile alla categoria thriller tout court, con una struttura che rimanda più al giallo classico e che contiene scene pulp di sicuro effetto. L'argomento centrale di tutto l'intreccio è naturalmente il fuoco, un elemento del quale sono rivelati aspetti inediti e misteriosi: la Oliva ha aggiunto alle impeccabili discettazioni chimiche e fisiche fatte da Winslow ne' La lingua del fuoco una connotazione metafisica che costituisce la parte più intrigante del libro. Non mi resta che augurarmi ancora una volta di leggere una nuova storia che veda protagonista questa sorta di alter ego dell'infaticabile Marilù: spero di vederla finalmente criminologa professionista e che scop...ra con l'ispettore Basilica.... tanti altri casi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.