domenica, dicembre 8

Recensione LA STRADA DELLA VIOLENZA di Mauro Marcialis

Recensione a cura di Federica Belleri

Ho letto il primo lavoro di Marcialis attentamente. Credo non sia facile recensirlo. La storia? Beh, la trovate riassunta nel momento in cui aprite il libro. Non ho intenzione di parlarvi di quello. Mi interessa invece dirvi che questo romanzo è un capolavoro ( parere mio, naturalmente). E' un capolavoro per come è scritto, è ricco, ben strutturato, interessante e decisamente verosimile. Ci sono allitterazioni che tolgono il respiro, paragrafi in grassetto che anticipano ma non troppo, ci sono scene molto forti e volgari che "devono" essere descritte così. Nessuna alternativa. I capitoli sono impegnativi, ma suddivisi in piccole parti. E' un libro intenso, indubbiamente. Marcialis rende partecipi, in modo peraltro geniale, cavallette e un ramarro curioso, di una probabile scena del crimine. E' in grado di far diventare una scarpetta rossa numero ventotto, un'affascinante luogo per gli insetti. In maniera sublime ci presenta la misera esistenza di una labrador, Baby, picchiata e frustata troppo spesso dal suo violento ed instabile padrone. Questo è, secondo me, saper scrivere. Non è una sviolinata, non sono il tipo.
Lo scrittore ci presenta due personaggi fondamentali; Maurizio Ferri del Sisde e Lorenzo Rollei della Guardia di Finanza. Uomini sospettosi e sospettati, che controllano e sono controllati. Soli, nella loro disperata ricerca di "normalità" e di verità. Sono corrotti e corrompono. Aggrediscono e vengono aggrediti. Possiedono grandi capacità intuitive e nascondono purtroppo se stessi e i loro sentimenti. Corruzione, prostituzione, droga, abuso d'atti d'ufficio, usura, riciclaggio, frode fiscale. Può bastare? Rapimenti, abusi sessuali, pedofilia. Mi fermo qui. Aggiungo solamente che le persone implicate sono marce dentro, sono devastate nel cuore e lussuriose di denaro e di prestigio. Non è importante l'età delle loro vittime, che muoiano o meno, la cosa fondamentale è soddisfare i propri bisogni e continuare ad avere successo. Qualche omissione non è poi così grave, o no? Il loro potere è meticoloso, può depistare e arrestare, occultare e uccidere dove serve.
"La strada della violenza" si percorre attraversando il dolore e la paura, arrivando alla consapevolezza che non è finita e che forse, non finirà mai. Si vive lo sconforto di ritrovarsi con mani e piedi legati, pur sapendo svolgere bene il proprio lavoro. Una divisa grigia e un paio di lucide scarpe nere possono aiutare, ma non sempre proteggere. Le pagine di Marcialis trascinano con forza e prepotenza in questo fiume di parole sporche. Un fiume che porta con sè non solo acqua piovana, ma detriti, spazzatura e fango. Troppo fango. Che tutto nasconde. Che è saldamente stratificato sul fondo. Ci si sente in balìa delle correnti e, arrivati al mare, si rischia di annegare per la mancanza di appigli. Meglio aggrapparsi alla vita come si può, per non perderla. Meglio sfogare la rabbia uccidendo, per sfuggire alla disperazione. Meglio tentare di innamorarsi, illudendosi di essere corrisposti e felici. Fuggire se necessario e fingere di poter cambiare.
Lorenzo, non affogare per l'amor di Dio!
Il mio personale pensiero va a chi è "sopravvissuto".
Ora che siete preparati, potete leggerlo.
Tre, due, uno...Contatto.

TRAMA: Reggio Emilia è una città ordinata, tranquilla, civile. Reggio Emilia è un esempio, un modello. Reggio Emilia nasconde i suoi segreti: appalti truccati, speculazioni, droga, riciclaggio di denaro, prostituzione, vizio. Reggio Emilia ospita un mostro: due bambine sono state rapite, stuprate e uccise. Due uomini vengono coinvolti nelle indagini: Maurizio Ferri, un agente del SISDE che lavora sotto copertura, e Lorenzo Rollei, un maresciallo della Guardia di Finanza corrotto e devastato come la sua città. Ferri è in bilico, ha paura di non saper più distinguere il bene dal male, ha paura di perdere se stesso. Rollei ha già perso tutto. Due uomini lanciati in una corsa ossessiva alla ricerca della verità, una discesa all'inferno, nell'anima oscura di un intero paese.

Titolo La strada della violenza
Autore Marcialis Mauro
Prezzo di copertina € 15,00
Dati 2006, 369 p., brossura
Editore Mondadori  (collana Colorado noir)
Outlet - 50% € 7,50 


0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.