mercoledì, ottobre 31

007 JAMES BOND - a cura di Stefano Di Marino


James Bond 007.  Dal 1953, anno di uscita di  Casinò Royale al 2012 (che festeggia il cinquantenario cinematografico con Skyfall) sono trascorsi  sessanta anni.  Bond spregiudicato, disperato, ironico, violento,deciso a tutto pur di sopravvivere e portare a termine la sua missione. Ha avuto molti volti in Tv, al cinema, nei fumetti. Ognuno ormai se lo vede come vuole a seconda, credo, del periodo e del medium  popolare con cui l’ha conosciuto. Non è più soltanto Connery e forse è giusto così. Nei 14 volumi (12 romanzi e due raccolte di racconti) scritti da Fleming, Bond non  è Connery. Forse non lo è negli innumerevoli apocrifi dei quali, sinceramente salvo solo quelli di Raymond Benson e Il colonnello Sun scritto da Robert Markham che era poi Kinsley Amis, forse veramente l’unico in grado di proseguire la saga. Ma Bond era già mito. Il cinema ne ha diffuso la leggenda, distrocendola. Il Bond di Craig, quello degli ultimi film, è molto più simile all’eroe originale anche se... sono effettivamente trascorsi 60 anni. Fleming veniva da una famiglia agiata ,aveva sicuramente qualche rivincita morale da prendersi sul padre e sul fratello sia sotto il profilo ‘avventuroso’ che di scrittore. Nei servizi segreti c’era stato davvero ma era un pianificatore così brillante che non lo lasciarono mai entrare i nazione. 
Ma era un bon vivant, un uomo che amava la vita, i suoi piaceri, le donne e tutto quel mondo glamour di cui circondò il suo eroe. Era un uomo che aveva sempre presente lo spettro della morte. Scrisse storie semplici, a volte piccoli capolavori a volte vicende meno riuscite. Sempre ben scritte, sempre misurate. Non aveva bisogno di tomi interminabili, andava dritto al punto. Straordinariamente secco per la sua epoca. Mescolava avvenimenti reali, suggestioni prese dalla sua vita, fantasie di un eterosessuale con il gusto dell’avventura per confezionare storie  ‘improbabili ma non impossibili’. Ha creato un mito cui tutti gli autori che raccontano storie di spionaggio avventuroso devono qualcosa e con il quale sono chiamati a confrontarsi. Un po’ come face il suo amico  Chandler con Marlowe che è diventato l’archetipo dei detective privati. I romanzi di Fleming erano politici? Più di quanto lo siano stati i film. Fleming si considerava un patriota. Nell’intelligence aveva lavorato durante la guerra ma viveva in pieno la crisi tra comunismo e capitalismo. Prevaleva però sempre la sfida tra l’impiegato dello stato ( a volte riottoso come quando decide di non uccidere un cecchino nemico solo perché è una donna), a volte pieno di dubbi (sin dal primo episodio si rende conto di quanto sia difficile distinguere il bene dal male) e il nemico ‘ straordinario’.
Le Chiffre non è solo un agente sovietico, Golfinger è un moderno re Mida, Scaramanga è davvero l’Uomo dalla Pistola d’Oro. La loro affiliazione politica non conta più di quella del Dr. No alle Triadi(che ha tradito) di Emilio Largo alla Spectre. Alla fine il vero nemico di Bond è Blofeld, super criminale ma, in qualche modo, anche super capitalista. L’uomo ricco come Drax, che si è fatto dal nulla, ama le donne e il lusso proprio come Bond ma che, negli affari, ha avuto successo. È lui stesso una sorta di super capitalista contro cui Bond, uomo della strada, educato per benevolenza di parenti benestanti, nei buoni collegi ma  nell’animo un blue collar che non esita a sedurre cameriere e dedicarsi a sport virili e popolari come il judo e il pugilato. Bond ha fortuna nella mente del pubblico per questo. È un aristocratico nei modi ma nel cuore resta un uomo del popolo. a distruggere l’impero finanziario del nemico, a rubargli la donna, prova sempre un certo gusto. Non arriviamo all’estremo dell’esproprio proletario ma quasi ci siamo. Bond, alla fine, come tutti gli eroi è un uomo solo. E attraverso le sue avventure, le ferite e le sconfitte ancor più che le vittorie, definisce ciò che l’uomo della strada vuol sapere. Cosa significa essere uomini. Oggi come cinquant’anni fa. Con o senza licenza di uccidere.

0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.