lunedì, agosto 1

Recensione de L' ALIENISTA di Caleb Carr


TRAMA: New York, 1896: un imprevedibile serial killer terrorizza la città uccidendo giovani travestiti e mutilandone i cadaveri. Il capo della polizia Theodore Roosevelt, incapace di risolvere il caso con i soliti sistemi, incarica dell'indagine un giornalista, perfetto conoscitore dei bassifondi, e un discusso "alienista", uno scienziato pioniere nell'applicare i principi della psicologia all'analisi criminologica.

 Recensione a cura di Marta Zelioli:
Quando un libro ti insegue.
Succede no? A me è capitato con 'L'alienista', mi è stato suggerito più di un anno fa, è finito nel mio famigerato 'blocco note' del cellulare, dove sostano i miei prescelti e lì è rimasto per un bel po', fino a quando in una delle mie 'esplorazioni' tra libri antichi e usati, me lo sono trovato davanti, mi fissava come dire:"'mbè? Credevi di avermi seminato?"... - i libri mi parlano, sì - dopo tanta sfacciataggine, non ho proprio potuto lasciarlo lì e quella sera è stato adottato.
Caleb Carr credo sia noto solo negli ambienti più 'pulp' ovvero tra gli amanti del thriller. Non ha ricevuto invece a mio avviso la dovuta considerazione dai 'profani', ed è un vero peccato perché è davvero uno scrittore che si fa leggere e anche tutto d'un fiato. Il fatto che mi abbia coinvolto a 15 anni dalla sua pubblicazione, riuscendo ad essere comunque ancora assolutamente innovativo, la dice lunga, visto quanto sia inflazionato attualmente l'argomento in stile 'Criminal Minds', perché in effetti, è proprio questo che mi ha evocato, leggere 'L'alienista'.
Una 'squadra' che si mobilita per dare la caccia ad un assassino, in una società pronta ad insabbiare ogni avvenimento marcio; stiamo parlando della fine dell'800 una New York più moderna del resto del mondo, ma comunque legata ai pregiudizi, dominata dai principali rappresentanti religiosi, così che oltre a dover indagare per arrestare la furia di questo psicopatico, il gruppo di investigatori si trova a doversi riparare da più nemici, personaggi pronti ad uccidere pur di far cadere nel dimenticatoio gli atti aberranti commessi dall'assassino.
A guidare il gruppo è un Alienista, colui che all'epoca studiava le malattie mentali, un giornalista, due investigatori ed una segretaria con velleità 'poliziesche', che si rivelerà poi essere una vera forza della natura.

"A quelle parole Sara si alzò, si mise una mano sul fianco e con l'altra estrasse dalle pieghe della gonna la Derringer. « Desidero avvertirvi tutti quanti » annunciò a denti stretti, « che il prossimo che dice "signora" in questo contesto, in mia presenza, si ritroverà un buco nella pancia, dal quale probabilmente uscirà della merda. » (Pag. 234)
Un quartier generale, ricerche negli ambienti più infimi di New York, senza tralasciare ovviamente 'Five points' - il quartiere più degradato dell'isola di Manahattan - profili psicologici, impronte digitali, visite a Sing sing e l'incertezza costante di non potercela fare, di fronte ad un criminale tanto spietato e con dei metodi di investigazione così innovativi da sembrare impossibili perfino a loro stessi.
"Nella foga di sconfiggerlo, avevamo semplicemente offerto al male un terreno più vasto in cui manifestarsi". (Pag. 464)
Caleb Carr si potrebbe leggere tranquillamente senza sosta, 521 pagine 'sfornate' in modo perfetto, non ho mai pensato che un dettaglio nella sua narrazione potesse essere escluso, e non ho mai rimurginato sull'assenza di qualche particolare che mi rendesse più chiara l'interpretazione del romanzo.
Il tutto è reso in modo impeccabile: i personaggi prendono vita, tra i loro pregi, i loro errori e le loro bizzarrie. Si muovono prevalentemente dentro New York, della quale tutto sommato ti trovi anche ad appuntarti i nomi delle strade, dei locali, il cibo che mangiano e gli spettacoli teatrali, un frammento di 'glamour' in mezzo a pezzi di cadavere, occhi e cuori mancanti.
Senza dimenticare il ritratto fatto di Roosevelt, non ho idea di quanti dettagli possano essere storicamente attendibili, ma senza dubbio la sua presenza rende ancora più affascinante il romanzo.
Straconsigliato agli amanti del genere.


Titolo L'alienista
Autore Caleb Carr
Prezzo di copertina € 10,00
Dati 1996, 532 p.
Editore Mondadori


760x54_promo

Le recensioni sono personali, e noi non siamo dei critici ma dei semplici lettori. Aggiungendo commenti a questo post e facendo nuove recensioni aiuterete questo blog a bilanciare i giudizi. Grazie.

0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.