venerdì, agosto 26

Recensione de I MATERIALI DEL KILLER di Gianni Biondillo


Recensione di Elisabetta Caramitti:

Non ci sono più i Biondillo di una volta...

Alcuni uomini, vicino alla cinquantina, comprano la macchina sportiva, si incatenano il petto villoso, sbottonano un po' di più la camicia e vanno in cerca di avventure squallide; altri, che sanno scrivere, di solito egregiamente, decidono di dare un colpo di vita alla propria produzione letteraria e di stravolgerla. Biondillo è uno di questi.
Ho terminato,con grande fatica e grande nervoso, "I Materiali del Killer" e sono arrabbiata.
Quella che era una lieve e piacevolissima vena ironica, nei precedenti libri, qui si trasforma in una girandola di gag, di battute degne di Zelig (o del Bagaglino...); i personaggi conosciuti, si trasformano in "standing comedians", facendo a gara a chi la spara più divertente, la storia si appesantisce con lunghissime analisi di tutta una serie di luoghi comuni che appestano l'animo degli italiani nei confronti delle minoranze, ma, soprattutto, la trama gialla non esiste e, quel poco che appare a tratti è di una noia mortale.
La dedica dell'autore recita "Ad Elisabetta, Ferraro è tornato!". Io non l'ho visto, o, meglio, ho letto di un Ferraro ridotto a personaggio di contorno, quasi demente, macchietta e spalla di una commissaria Rinaldi che imperversa e conduce l'indagine.
Stendo un velo pietoso sulla scrittura, infarcita di periodi lunghissimi e contorti, oltre che di ossessive ripetizioni di "ché", al posto di "perché", di "non ostante", di "concresciuto" di "superna antipatia", di "rammemorare", e di "ctonia".


Voto 2/5

L’ispettore Ferraro è tornato.
È tornato da una città che non ha mai capito, Roma, dove ha lasciato il commissario Elena Rinaldi, un’altra storia andata male. È tornato al commissariato di Quarto Oggiaro, solo e sconfi tto, e dopo tre anni in trasferta deve ricominciare da capo. Con la barba incanutita, una nuova casa, la fi glia Giulia in piena preadolescenza e Lanza trasferito a Bruxelles.
Poi c’è il lavoro: una rapina in villa, con un epilogo tragico. Morto il rapinatore, uno zingaro, e morto il padrone di casa. Una vera rogna. E il solito Comaschi lì a fare battute idiote.
Nello stesso momento, a Lodi, una rocambolesca evasione dal carcere fi nisce in un bagno di sangue. Una carnefi cina con mistero: l’evaso è un nero di piccolo calibro, come si spiega il commando malavitoso allestito per liberarlo? Chi è davvero Towongo Haile Moundou? Ironia del destino, a questa domanda dovrà trovare risposta proprio Elena Rinaldi.
In un frenetico inseguimento da nord a sud attraverso un’Italia oppressa da un cielo plumbeo – con assolati squarci di un’Africa arsa da un sole crudele e desertico – Gianni Biondillo disegna con questo romanzo la mappa dettagliata e cupa di una nazione senza memoria.
Un noir contemporaneo che scava nelle più grandi paure dell’Italia di oggi e ci restituisce un paesaggio preciso e puntuale del nostro Paese. Senza mai perdere di vista la speranza.

Titolo I materiali del killer
Autore Biondillo Gianni
Prezzo di copertina € 18,00
Dati 2011, 359 p., brossura
Editore Guanda (collana Narratori della Fenice)

Manda una recensione a thrillerpage@gmail.com
Condividi su facebook Condividi
Clicca per vedere le ultime recensioni Hai Facebook?
Aggiungiti al gruppo Thrillerpage

760x54_promo
Le recensioni sono personali, e noi non siamo dei critici ma dei semplici lettori. Aggiungendo commenti a questo post e facendo nuove recensioni aiuterete questo blog a bilanciare i giudizi. Grazie.

2 Lascia un commento:

Anonimo ha detto...

Questo libro è un capolavoro. Certo, se avete ancora l'idea che un giallo sia qualcosa tutto trama e vocabolario basic non c'è speranza che lo comprendiate. Se invece pensate che il giallo possa essere una basa d'appoggio per sperimentare linguaggi e registri (altro che comico, ci sono pagine epiche, tragiche, grottesche, eccetera eccetera), se credete che il giallo possa finalmente crescere dal suo stato puerile ed uscire dalla gabbia allora è il libro per voi. E comunque Biondillo, che leggo fin dal primo romanzo, "non ostante" l'ha sempre scritto staccato e termini aulici li ha sempre associati a termini volgari, per il puro piacere del contrasto espressionista.

Laura Serra

mipiaceleggere ha detto...

dopo quattro pagine mi sono chiesta ma che ci faccio qui??
no grazie non mi ha attirato

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.