giovedì, ottobre 7

LA FIGLIA SBAGLIATA - di Jeffery Deaver



Colpi di scena, svolte inaspettate, e uno dei cattivi più brillanti mai creati dal genio del thriller: uno degli autori non solo più venduti, ma più amati in Italia. Un’adolescente fragile e inquieta, uno psicopatico fin troppo lucido, la corsa contro il tempo di due genitori travolti dal senso di colpa: tutto il brivido del Deaver più classico.

Titolo La figlia sbagliata
Autore Deaver Jeffery
Prezzo di copertina € 18,50
Dati 2010, 358 p., rilegato
Traduttore Baiocchi M.; Tagliavini A.
Editore Rizzoli (collana Rizzoli best)

Megan è un’adolescente in crisi per il divorzio e il disinteresse dei genitori, soffre di disturbi della personalità, ha tentato il suicidio gettandosi da un ponte. Quando riceve la telefonata di uno psicologo che sostituisce per quella settimana il suo terapeuta, si presenta senza sospetti all’appuntamento. Aaron Matthews, dopo averla sedotta, la narcotizza, e la trascina con sé in un viaggio insanguinato da una serie di delitti. Matthews porta avanti un piano perfetto, costruito con lucida follia e animato da una feroce sete di vendetta. Solo il padre di Megan, tormentato dai sensi di colpa, potrà strapparla a un destino segnato. Ma prima dovrà salvare la propria vita.


Sonia Favaro ha detto: Deaver è un maestro nel farti precipitare nei vortici dell'angoscia

Thriller Psicologico Multiplo.
Le menti da tenere sotto la lente di ingrandimento sono più di una, l' indagine stessa è racchiusa all'interno del nucleo familiare, la figura del detective al quale Deaver ci ha abituati questa volta è marginale. Deaver è un maestro nel farti precipitare nei vortici dell'angoscia, ora sei la vittima ed un minuto più tardi sei il carnefice, in un continuo capovolgimento di fronti.Eccellente la descrizione di luoghi, personaggi e stati d'animo, più che leggere un romanzo sembra di assistere ad un film ben diretto.


3 Lascia un commento:

Thrillerpage ha detto...

Adriano Fiorini ha detto:
finito di leggere "la figlia sbagliata" di Jeffery Deaver....devo essere sincero,mi aspettavo qualcosa di più..la storia è abbastanza scontata a parte un colpo di scena misero le ultime 20 pagine...ve lo consiglio in quanto la lettura è molto scorrevole ma non aspettatevi i soliti colpi di scena "Deaveriani"...il libro è presentato come thriller psicologico ma,francamente, di psicologico ha ben poco,solo una storia pseudo malata di un dottore che rapisce una ragazza per vendetta nei confronti dei genitori di lei (soprattutto del padre)..un pò m'ha deluso ma ve lo consiglio lo stesso!

brontolo ha detto...

Libro di una decina di anni fa, pubblicato per la prima volta nel '96 solo in Inghilterra , poi rimaneggiato e ripubblicato nel 2000 negli Usa ed ora in Italia. E' già il Deaver migliore, non quello del ciclo Pellam e della trilogia di Rune. E' uno "stand alone" senza i personaggi seriali che abbiamo imparato a conoscere. E' un thriller puro, senza uso di indagini sofisticate e macchinari tecnologici,alla Rhyme per intenderci.Ritmo serrato, trama ben congegnata, scorrevole ,con un interessante risvolto psicologico.
Il suo stile è inconfondibile: azione, adrenalina, imprevedibilità.
Si inizia e si finisce in un attimo.

Antonia Dettori ha detto...

E’ un libro che ho divorato in appena due giorni, sinceramente non pensavo mi piacesse così tanto anche perché le recensioni non lo considerano tra i più belli che Deaver ha scritto. E invece personalmente mi ha preso fin dall’inizio, a mio parere quest’autore, di cui avevo letto soltanto Il collezionista di ossa, ha un modo di scrivere che trascina. Credo che non sia soltanto una questione di colpi di scena che si susseguono l’uno all’altro, ma la trama è inquietante al punto giusto.
Nel costruire la figura dello psichiatra e quella di Tate è stato eccezionale, entrambi i personaggi sono due abili manipolatori della parola.
"Con le parole puoi arrivare al cuore della gente, convincerla a fare tutto quello che vuoi. Parole. Non si vedono, ma sono l'arma più pericolosa del mondo"
Megan la svitata viene sequestrata da un folle psichiatra, Matthews. La storia si snoda sulle vicende di un rapimento, e l’autore ne approfitta per raccontare una serie di conflitti familiari e coniugali che hanno vissuto i genitori della ragazza.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.