martedì, aprile 2

RIFIFI' - a cura di Stefano Di Marino

Tony il laureato ha un aspetto ingannevole. Lo vediamo sofferente, mal rasato, senza un soldo dopo una notte passata al tavolo da gioco in compagnia di lestofanti poco affidabili e men che mai disposti a dargli credito. Ha l’aspetto di un omino qualunque, uno sconfitto. Invece è un vero duro. S’è fatto 5 anni senza cantare, assicurandosi così il rispetto di Jo, un giovane  ‘truand’ del cui figlio è padrino. Quando ritrova l’amata Mado che si è rifatta una vita nel locale dei fratelli Grutter, la prende implacabilmente a cinghiate. Sì, un po’ si commuove quando capisce che lei non l’ha tradito ma alla fine rimane un  dur a cuire. Il tipo giusto cui affidare l’organizzazione di un colpo perfetto che potrebbe dare a tutti ciò che desiderano. Dopo qualche tentennamento Tony accetta e, oltre a Jo entrano in gioco Cesare (che è lo stesso Dassin con lo pseudonimo Perlo Vita e che nella versione originale è Il Milanese, mentre nella versione nostrana diventa Marsigliese) gran scassinatore ma con un debole per le donne facili e pericolose e Mario, un altro italiano con una bella amante e la passione per la canzone napoletana.  Dassin, in fuga dall’America  dove era stato inserito nelle  liste nere per sospette attività filocomuniste  ebbe non pochi problemi con questo film che ancora fa storia. Budget ridicolo (non si vede) e soprattutto grossi diverbi con Auguste LeBreton autore dell’omonimo e molto più complesso romanzo. La ragione del contendere fu proprio lo sfrondamento di alcune parti della storia originale che è un affresco della mala  parigina anni ‘50 e che, forzatamente, si riduce a un film già piuttosto lungo centrato sul colpo alla gioielleria. Tra l’altro pare che LeBreton  si fosse presentato a discutere con il regista con la sua ‘berta’. Alla fine fu trovato un accorto e anche un’idea geniale. La sequenza del colpo, che in effetti viene portato a termine senza violenza e con una precisione millimetrica, diventa un piccolo capolavoro di cinema della tensione. 32 minuti scanditi solo da rumori soffusi, primi piani tecnici e umani. Un esempio mai  uguagliato anche se di Rififi, nei romanzi e al cinema, ce ne furono parecchi altri. Ma… Rififi non è solo rapina. Indica un tafferuglio, un inghippo di violenza, passioni e soldi. Una parola che non si trova nei vocabolari come canta la sciantosa Viviane interpretata da magali Noel in un bellissimo numero di musica e danza nel locale dei  Grutter. Come sempre il ritratto della Parigi malavitosa degli anni 50 è preciso, trova scorci della città inediti, passa dai locali di lusso agli appartamenti più squallidi, dai passages stretti ai larghi viali della banlieue e arriva sino alla defense. Una volta messo a segno il colpo, però cominciano i guai perché la legge del cinema è implacabile. Le storie di rapina sono destinate a finire male. I Grutter (tra i quali riconosciamo anche un giovanissimo Robert Hossein che anche allora faceva davvero paura) intuiscono che dietro il colpo favoloso c’è Tony ed essendoci ruggine tra il maggiore dei fratelli e ‘il laureato’ per via di Mado, si passa presto alle vie di fatto. Causa di tutto il pasticcio è proprio Cesar che offre un anello troppo vistoso alla cantante Viviane e così si tradisce. Torturato , parla portando quindi alla morte di Mario e della sua bella. Da qui il rapimento del figlio di Jo che darebbe tutto il malloppo per salvare il bimbo. Tony giustizia Cesar che si lascia uccidere consapevole della sua colpa ma è convinto che i Grutter non molleranno mai il bambino. Si mette quindi in caccia da solo e proprio grazie a Mado risale allo spacciatore che rifornisce di cocaina il giovane Grutter. Recupera il piccolo ma ormai Jo, disperato, è caduto in trappola. Il giovane muore ucciso dal più grande dei Grutter, furibondo per la morte dei fratelli , uccisi da Tony poco prima. Quasi una resa dei conti da film western il duello nella villa in costruzione alle porte di Parigi. Tony la sfanga ma si becca una pallottola nel polmone. Con le ultime forze riporta il grisbì e il Bimbo sino  acasa della madre poi muore per strada solo, pur in mezzo alla folla. Girato in poche strade, con attori perfettamente aderenti al ruolo Rififi chez les hommes(ci fu anche un Rififi chez les Fammes sempre da LeBreton) è un film ancora oggi magnifico e se è pur vero che tutto ruota intorno al colpo riesce a dare una immagine d’insieme della mala parigina poche volte superata.


Articolo a cura di Stefano Di Marino/Stephen Gunn


0 Lascia un commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cronologia Post

Autori

Agatha Cristie (3) Alberto Custerlina (3) Alessandro Bastasi (9) Alessandro Berselli (1) Alessandro Perissinotto (2) Alessandro Vizzino (2) Alessandro Zanoni (2) Alfredo Colitto (16) Allan Guthrie (1) Andre Helena (5) Andrea Camilleri (7) Andrea G.Pinketts (3) Angela Capobianchi (4) Anne Holt (6) Anthony Neil Smith (2) Ariana Franklin (2) Arnaldur Indridason (3) Arne Dalh (2) Ballario Giorgio (2) Bill James (3) Bret Easton Ellis (2) Brian Freeman (9) Camilla Läckberg (7) Carin Gerhardsen (2) Carlo Luccarelli (3) Carolyn Graham (2) Charles Willeford (2) Charlotte Link (5) Chelsea Cain (3) Chiara Palazzolo (4) Ciro Auriemma (5) Claudio Paglieri (5) Cody McFadyen (1) Cormac McCarthy (2) Cornell Woolrich (1) Dan Simmons (3) Daniel Silva (5) Dean R. Koontz (3) Derek Raymond (4) Dominique Manotti (4) Don Winslow (12) Donald Westlake (2) Donato Carrisi (10) Douglas Preston e Lincoln Child (4) Ed McBain (2) Elisabetta Bucciarelli (6) Elizabeth George (1) Elmore Leonard (6) Eraldo Baldini (2) Fabrizio Canciani (2) Ferdinando Pastori (25) Francesca Battistella (10) Francesca Bertuzzi (3) Francesca Scotti (8) Francisco Gonzalez Ledesma (2) Frédéric H. Fajardie (2) Genna Giuseppe (1) George Simenon (5) George V. Higgins (3) Giampaolo Simi (2) Giancarlo De Cataldo (6) Giancarlo Narciso (8) Gianni Farinetti (1) Gianni Simoni (11) Gianpaolo Zarini (6) Giorgio Faletti (2) Giorgio Scerbanenco (11) Giuliano Pasini (8) Giuseppe Foderaro (3) Giuseppe Leto Barone (7) Greg Iles (4) Harlan Coben (1) Henning Mankell (1) Iain Pears (3) Ian McEwan (2) J. A. Konrath (1) James Ellroy (7) James M. Cain (2) James Patterson (14) James Rollins (6) Janet Evanovich (1) Jean Christophe Grangè (1) Jean Claude Izzo (1) Jean-Patrick Manchette (5) Jefferson Bass (2) Jeffery Deaver (10) Jerker Eriksson (3) Jim Nisbet (2) Jim Thompson (6) Jo Nesbø (12) Joe R. Lansdale (8) John Verdon (2) Jonathan Kellerman (3) Josè Carlos Somoza (3) Justin Cronin (2) Karin Slaughter (9) Ken Follet (2) Laura Costantini (3) Leo Malet (3) Leonard S. Goldberg (2) Linda Castillo (4) Linda La Plante (1) Linwood Barclay (2) Liza Marklund (3) Lorenza Ghinelli (5) Loriano Macchiavelli (5) Luca Filippi (4) Lucia Tilde Ingrosso (6) Luigi Romolo Carrino (4) Maj Sjöwall (1) Marco Bettini (2) Marco Buticchi (4) Marco Malvaldi (8) Marco Vichi (8) Marilù Oliva (6) Mario Mazzanti (9) Mary Higgins Clark (2) Massimo Lugli (5) Massimo Rainer (3) Matteo Righetto (1) Matteo Strukul (9) Maurizio De Giovanni (15) Mauro Marcialis (9) Michael Robotham (3) Micheal Connelly (7) Michele Giuttari (4) Omar di Monopoli (2) Paolo Grugni (5) Paolo Roversi (6) Patrick Fogli (9) Patrizia Mintz (6) Paul Harper (1) Petros Markarism (1) Philip Roth (1) Philippe Claudel (1) Philippe Djian (3) Piergiorgio Pulixi (18) Pierluigi Porazzi (6) Pierre Lemaitre (6) R.J Ellory (2) Remo Bassini (2) Riccardo Perissich (1) Richard Matheson (2) Roberto Costantini (6) Robin Cook (2) Rodolfo Wlash (1) Sabine Thiesler (3) Sam Durrel (3) Sam Neill (1) Sandrone Dazieri (3) Sara Bilotti (11) Sasha Naspini (3) Schätzing Frank (1) Seba&Fra (6) Sebastian Fitzek (5) Seth Grahame Smith (1) Shane Stevens (4) Simone Sarasso (5) Stefano Di Marino (34) Stelvio Mestrovich (4) Stephen King (11) Steve Berry (3) Stuart Macbride (4) Susanna Raule (3) Tersite Rossi (5) Tess Gerritsen (5) Tim Willocks (5) Ugo Barbàra (3) Ugo Moriano (2) Valerio Varesi (6) Victor Gischler (6) William Landay (2) Wulf Dorn (8)

Da non perdere

Da Evitare

NonSoloThriller

Interviste

Post più popolari

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001.